Il gap di protezione assicurativa potrebbe raggiungere 1,86 trilioni $ entro il 2025

PwC sostiene in un report che il gap di protezione globale potrebbe salire a 1.86 trilioni di dollari entro il 2025.

Il mercato globale delle assicurazioni e delle riassicurazioni si trova ad affrontare una serie di sfide, ma allo stesso tempo le opportunità per il settore e per la fornitura di capitali efficienti per assorbire i rischi della società si stanno espandendo. PwC stima infatti che il gap di protezione globale potrebbe espandersi a 1.86 trilioni di dollari entro il 2025.

Si tratta di una crescita significativa di circa il 33% in pochi anni, poiché si stima che il protection gap, ossia il divario tra perdite economiche e assicurate, abbia raggiunto 1.400 miliardi di dollari nel 2020.

PwC ritiene che le dimensioni del gap di protezione stiano accelerando, poiché la copertura assicurativa non tiene il passo con la crescita economica e con l’aumento dei valori a rischio in termini di urbanizzazione.

Matthew Britten, Partner, Insurance di PwC Bermuda, ha commentato: “Gli assicuratori e i riassicuratori devono sfruttare lo slancio acquisito per rivalutare il futuro e determinare quali cambiamenti a lungo termine sono necessari per il loro settore per servire uno scopo più elevato in un mondo incerto. Una delle principali lezioni economiche della pandemia è stata l’importanza dell’innovazione, della diversificazione e dell’agilità strategica per sostenere la resilienza delle imprese. E questo è stato accentuato da una tempesta perfetta di instabilità geopolitica, pressione sui costi, competizione per i talenti e cambiamenti nell’approccio alla tassazione a livello globale”.

Gap di protezione assicurativa in crescita nel 2022

La risposta al crescente gap di protezione deve essere guidata dall’innovazione e il capitale di rischio efficiente deve essere al centro, il che significa che le opportunità di fornire capitale assicurativo e riassicurativo in forme di mercato dei capitali saranno quasi certamente al centro degli sforzi per ridurre il divario, o almeno rallentarne l’aumento.

PwC ha spiegato nel report: “Con la crescente necessità di trovare soluzioni a lungo termine per affrontare le disparità sociali ed economiche e la resilienza delle imprese, gli assicuratori devono andare oltre il loro mandato tradizionale”.

Andare oltre il mandato tradizionale è un mantra, poiché per rimanere rilevanti e soddisfare le esigenze dei clienti nei prossimi decenni, i mercati assicurativi e riassicurativi dovranno concentrarsi sulla fornitura di servizi, abbracciando al contempo le fonti e i modi più efficienti per adeguare il capitale ai rischi che sottoscrivono.

Purtroppo, PwC ritiene che la fiducia sia un problema anche per il mercato riassicurativo e che stia determinando un aumento del divario di protezione: “L’erosione della fiducia, unita alla mancanza di accesso e alla scarsa educazione finanziaria, ha reso i clienti meno propensi ad acquistare assicurazioni e ha portato a gap di protezione più ampi e a perdite economiche più elevate”.

Se la gente si fida sempre meno delle assicurazioni, significa che il settore farà sempre più fatica a mantenere la sua rilevanza, e quindi il divario si allargherà man mano che un numero sempre maggiore di persone rinuncerà alla copertura in alcune aree della propria vita. Ma con l’aumento esponenziale dei valori assicurabili, la necessità di capitale di rischio è destinata a crescere.

Per colmare il gap di fiducia e ridurre il gap di protezione, sarà necessario un approccio alla protezione assicurativa orientato al cliente e al design del prodotto, sostenuto dall’accesso più efficiente possibile al capitale riassicurativo.

La capacità e il capitale di rischio saranno necessari in quantità significative, mentre il settore si deve adeguare per rispondere all’accelerazione del gap di protezione.

Una chiara opportunità per gli specialisti di titoli assicurativi (ILS) e per gli investitori del mercato dei capitali, il cui capitale può essere integrato in modelli di protezione di nuova concezione, adatti al futuro e in grado di rispondere all’evoluzione delle esigenze dei clienti.

gap di protezione