Forte impatto del conflitto in Ucraina per il I trimestre di Munich Re

Munich Re ha registrato un risultato netto di 608 milioni di euro per il primo trimestre del 2022, migliorando leggermente rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, nonostante i suoi risultati siano stati “gravemente colpiti” dal conflitto tra Russia e Ucraina.

Le operazioni di riassicurazione di Munich ReIts hanno contribuito per 511 milioni di euro al risultato consolidato, rispetto ai 410 milioni di euro precedenti, poiché una perdita di 78 milioni di euro nel ramo vita e salute è stata compensata da un risultato positivo di 589 milioni di euro nel ramo danni e infortuni.

Questo nonostante il fatto che Munich Re abbia registrato spese legate alla guerra in Ucraina per poco più di 100 milioni di euro in alcune linee specialty.

Joachim Wenning, presidente del consiglio di amministrazione, ha assicurato che la società “assorbirà facilmente” qualsiasi effetto diretto della guerra sulla sua attività.

Il risultato degli investimenti della società è sceso da 1.691 milioni di euro a 987 milioni di euro, a causa soprattutto delle svalutazioni lorde di quasi 700 milioni di euro sulle obbligazioni russe e ucraine, che hanno avuto un impatto sui risultati degli investimenti sia della riassicurazione che dell’unità assicurativa primaria di Munich Re, ERGO.

Sul versante L&H, Munich Re ha continuato ad essere colpita dalle crisi globali, poiché il suo risultato negativo è stato attribuito principalmente a perdite legate a COVID-19 per 150 milioni di euro, soprattutto dall’onda Omicron negli USA.

Guardando al volume dei premi, Munich Re ha detto che i suoi premi P&C sono aumentati da 6.330 milioni di euro a 7.938 milioni di euro, con “una continua forte attenzione alla qualità”, mentre per L&H la raccolta premi è salita da 3.058 milioni di euro a 3.369 milioni di euro.

Il combined ratio è migliorato dal 98,9% al 91,3% dei premi netti di competenza, con perdite maggiori di oltre 10 milioni di euro ciascuna per un totale di 667 milioni di euro, in netto calo rispetto agli 892 milioni di euro registrati nel primo trimestre del 2021.

I grandi sinistri causati dall’uomo sono scesi da 247 a 185 milioni di euro, mentre i grandi sinistri da catastrofi naturali sono scesi da 646 a 481 milioni di euro, con eventi importanti tra cui le forti piogge nell’Australia orientale, che hanno prodotto perdite per circa 440 milioni di euro, e le tempeste invernali in Europa, che hanno prodotto perdite per Munich Re di poco inferiori ai 120 milioni di euro.

Nei rinnovi riassicurativi al 1° aprile 2022, Munich Re è stata in grado di aumentare il volume degli affari sottoscritti a 2,7 miliardi di euro (+7,6%), e ha riferito che è stato possibile “sfruttare le opportunità di crescita, soprattutto in Asia – in particolare in Giappone e India – nonché in America Latina”.

I prezzi sono aumentati complessivamente nei mercati settoriali, con tendenze significativamente diverse che dipendono dall’esperienza dei sinistri, dalle aspettative di perdita futura e dalla situazione in ogni singolo mercato, ha aggiunto il riassicuratore, e i prezzi per la copertura riassicurativa sono aumentati notevolmente in alcuni mercati, compresi gli Stati Uniti.

In conseguenza delle “vantaggiose prospettive di business” che Munich Re continua a vedere nella riassicurazione nel 2022, la società punta ancora a un risultato consolidato di 3,3 miliardi di euro per l’esercizio 2022, il cui raggiungimento è sostenuto da un budget residuo di major-loss nella riassicurazione property-casualty di circa 3,3 miliardi di euro per il resto dell’anno.

Tuttavia, ha avvertito che: “Tutte le previsioni e gli obiettivi sono soggetti a una notevole incertezza a causa dei fragili sviluppi macroeconomici, della volatilità dei mercati dei capitali e del futuro poco chiaro della pandemia. In particolare, c’è una notevole incertezza sull’impatto finanziario della guerra di aggressione russa in Ucraina”.