Il capitale riassicurativo globale raggiunge un nuovo massimo di 675 miliardi di dollari nel 2021

Aon stima che il capitale globale dei riassicuratori sia aumentato di quasi il 4% alla fine del 2021 a 675 miliardi di dollari, guidato dalla crescita del capitale tradizionale, leggermente compensata da un calo del capitale alternativo.

La cifra rappresenta una crescita di oltre il 2% rispetto ai 660 miliardi di dollari registrati a metà anno, ed è in aumento di 25 miliardi di dollari rispetto alla fine del 2020.

Secondo Aon, il capitale tradizionale è aumentato del 4,1% nel 2021 a un nuovo massimo di 579 miliardi di dollari, mentre il capitale alternativo ha raggiunto 96 miliardi di dollari, che è un leggero calo rispetto alla fine di giugno 2021 ma sopra i 95 miliardi di dollari visti a fine anno 2020.

Il broker assicurativo e riassicurativo attribuisce la crescita del 4,1% principalmente agli utili non distribuiti, poiché la maggior parte delle imprese di riassicurazione ha prodotto risultati redditizi nel 2021, nonostante gli impatti della pandemia e le perdite superiori alla media delle catastrofi naturali.

“A differenza del 2021, le emissioni di nuove azioni sono state modeste e non ci sono stati avviamenti degni di nota in vista dei rinnovi di gennaio. Ciononostante, gli utili non distribuiti sono stati sufficienti per aumentare il patrimonio netto tradizionale di 23 miliardi di dollari a 579 miliardi di dollari”, ha dichiarato Aon.

“La maggior parte delle compagnie ha mostrato una crescita, con mercati azionari forti che hanno guidato alcuni aumenti considerevoli con allocazioni superiori alla media alle azioni. Le riduzioni di IRB Brasil, Lancashire, RenRe e Conduit hanno coinciso con le perdite complessive registrate per l’anno, mentre l’utile netto di 1,4 miliardi di dollari di Swiss Re è stato superato da una combinazione di pagamenti di dividendi, perdite non realizzate su obbligazioni e movimenti di cambio avversi”, ha aggiunto lo studio.