Alti tassi di reclamo per lo specialista del run off Viridium

I tre assicuratori vita con il più alto tasso di reclami inviati alla BaFin (l’Authority di vigilanza tedesca) appartengono tutti al Gruppo Viridium. Nel 2021, il malcontento nei confronti degli specialisti del run off è aumentato ancora una volta in modo significativo. Cosa sta succedendo nella società che potrebbe presto acquistare il portafoglio legacy di Zurich?
Zurich Deutschland è al centro dell’attenzione in questi giorni. Secondo quanto riportato dai media, la direzione dell’assicuratore starebbe discutendo la vendita di un massimo di 800.000 polizze vita tradizionali al gruppo Viridium di Neu-Isenburg, specializzato in run-off esterni.
Le compagnie Viridium Skandia, Heidelberger Leben ed Entis hanno i tassi di reclamo BaFin più alti di tutti gli assicuratori vita sul mercato tedesco per il 2021. Inoltre, l’altra filiale di Viridium, Proxalto, ha il sesto tasso di reclami più alto. Questa filiale gestisce i quasi quattro milioni di polizze classiche di Generali Leben dal 2019 – la più grande operazione di run-off sul mercato tedesco fino ad oggi.
Oltre a Viridium, diverse altre società di run-off hanno ripetutamente riportato tassi di reclamo relativamente elevati negli ultimi anni. Tuttavia, nelle statistiche pubblicate di recente dalla BaFin, le società di Neu-Isenburg spiccano per i tassi particolarmente elevati, soprattutto se confrontati con fornitori come Allianz o R+V, che devono gestire portafogli molto più ampi. Inoltre, i coefficienti di Proxalto, Entis e Skandia sono peggiorati, in alcuni casi in modo significativo, rispetto all’anno precedente.
Questo sviluppo è dovuto principalmente a due cambiamenti interni, ha spiegato il Gruppo Viridium in risposta a una richiesta di informazioni di procontra. Da un lato, l’anno scorso le unità di assistenza clienti di tutti e quattro gli assicuratori vita del gruppo sono state accorpate nella sede di Amburgo. Questo dovrebbe rendere i processi principali più veloci, più semplici e più vicini ai clienti nel lungo periodo. Questo investimento, tuttavia, comporta inizialmente un lavoro aggiuntivo per un certo periodo di tempo sotto forma di lavori di conversione e talvolta tempi di lavorazione più lunghi, secondo Neu-Isenburg.
In secondo luogo, hanno già trasferito 700.000 contratti Proxalto su una moderna piattaforma informatica e di sistema e vogliono migrare presto il resto del portafoglio. “Tuttavia, data la complessità di modernizzazioni IT di questa portata, non si possono escludere completamente effetti isolati e temporanei che si ripercuotono anche sui clienti”, afferma un portavoce dell’azienda. In entrambi i casi, stanno lavorando per completare rapidamente la fase di modernizzazione e ridurre il numero di reclami. “Perché ovviamente non siamo soddisfatti dello sviluppo del 2021, anche se in gran parte si può spiegare con i motivi citati”, afferma il portavoce.
Viridium non condivide l’ipotesi che l’elevato numero di reclami BaFin si riferisca a un’insoddisfazione di fondo dei clienti nei confronti del modello commerciale di run-off esterno.