Allianz: il mercato assicurativo tornerà a crescere con più forza

Allianz prevede una crescita globale dei premi del 4,8% per il 2022 e un aumento medio annuo altrettanto elevato per i dieci anni successivi. 

Lo scorso anno la raccolta premi globale del settore è aumentata del 4,4% nel ramo vita e del 6,3% nel segmento danni (property/casualty). Il risultato è stato un aumento complessivo – escluse le assicurazioni sanitarie – del 5,1% e un volume di premi di 4,2 trilioni di euro. Di questi, 2,5 trilioni erano destinati al settore vita e 1,7 trilioni al settore non vita. E’ quanto emerge dal “Rapporto Allianz sulle assicurazioni globali 2022” pubblicato martedì.

La crescita si è spostata a livello regionale

La crescita è stata sostenuta da “una forte spinta economica, da una maggiore percezione del rischio e da un livello di risparmio record in un contesto di mercati azionari in crescita”, ha dichiarato Allianz.

“Veramente eccezionale” è stata la composizione della crescita dei premi nel 2021: l’Europa occidentale e il Nord America hanno rappresentato più di due terzi; il mercato statunitense da solo è stato responsabile della metà dell’aumento.

Al contrario, la crescita nel periodo dal 2011 al 2021 è stata generata principalmente in Asia e, con una media del 3,6% all’anno, è stata anche significativamente inferiore.

Previsione per il 2022: +4,8 per cento

La speranza che il 2022 fosse “un altro anno di successo” per il settore assicurativo è stata delusa dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

“È probabile che la raccolta premi sia inferiore di circa un punto percentuale rispetto alle previsioni iniziali”, stima il gruppo assicurativo. Questo è una “conseguenza del calo dell’attività economica e della perdita di fiducia, anche se l’inflazione sta almeno sostenendo le vendite lorde”.

Nel complesso, il gruppo prevede ora una crescita del 4,8% per il 2022. Si prevede che il ramo vita e il ramo danni cresceranno a tassi simili, rispettivamente del +4,9 e +4,6 per cento.

“Questo dato di crescita deve essere visto sullo sfondo di un’inflazione globale del 6,2% quest’anno”, aggiunge Allianz.

Nonostante l’attuale alto livello di incertezza, “non siamo troppo pessimisti sul futuro”, afferma la compagnia. L’incertezza, in definitiva, aumenta anche la percezione del rischio.

La pandemia e la guerra in Ucraina sono “campanelli d’allarme per una migliore gestione del rischio, per una maggiore copertura”, afferma Ludovic Subran, Chief Economist di Allianz. “Nel ramo vita, l’accresciuta percezione del rischio dopo la Covid-19 e la fine dei tassi d’interesse zero legata all’inflazione dovrebbero rendere nuovamente interessanti i prodotti di risparmio e di copertura”, afferma Patricia Pelayo Romero.

Secondo il coautore del rapporto, nel ramo danni gli sforzi per mitigare la crisi climatica sono in prima linea. La ricerca dell’indipendenza energetica rende questo aspetto ancora più urgente. “Per raggiungere questo obiettivo sono necessari grandi investimenti, sia privati che pubblici”. Questo crea un’elevata domanda di protezione dal rischio.

Allianz

Le previsioni a lungo termine di Allianz

Per i prossimi dieci anni, il rapporto prevede una crescita media annua del 4,8%, con una crescita del 4,9% nel ramo vita e del 4,6% nel ramo danni.

Ciò significa un +67% o +2,8 trilioni di euro entro il 2032, di cui 1,8 trilioni nel ramo vita (+69%) e poco più di un trilione nel ramo danni (+63%).