Munich Re: utile a 589 mln nel I trimestre, in linea con l’obiettivo 2021

Munich Re ha registrato un utile di 589 milioni di euro nel 1° trimestre 2021. Il risultato operativo è aumentato rispetto all’anno precedente a 798 milioni di euro (397 milioni di euro), in particolare grazie a un onere notevolmente inferiore derivante dalle perdite COVID-19, soprattutto nella riassicurazione danni, mentre l’altro risultato non operativo ammonta a -12 milioni di euro (-11 milioni di euro). Il risultato valutario ammonta a -23 milioni di euro (144 milioni) e l’aliquota fiscale effettiva è del 16,3% (53,5%).

I premi lordi contabilizzati sono aumentati dell’1,9% rispetto all’anno precedente a 14.551 milioni di euro (14.284 milioni).

Il patrimonio netto alla data di riferimento (29.392 milioni di euro) è leggermente inferiore a quello di inizio anno (29.994 milioni di euro). L’indice di solvibilità è pari a circa il 217% (208% al 31 dicembre 2020), che si colloca all’estremità superiore dell’intervallo ottimale (175-220%).

Nel 1° trimestre 2021, il rendimento del patrimonio netto (RoE) è stato del 10,4% (3,9%).

Il settore riassicurativo ha contribuito per 410 milioni di euro (149 milioni) al risultato consolidato nel 1° trimestre. Il risultato operativo è salito a 558 milioni di euro (298 milioni) e i premi lordi contabilizzati hanno raggiunto 9.389 milioni di euro (9.235 milioni).

La riassicurazione vita e malattia ha generato un utile di 52 milioni di euro (8 milioni) nel 1° trimestre. La raccolta premi ammonta a 3.058 milioni di euro (3.079 milioni). Il risultato trimestrale è stato influenzato da perdite legate a COVID-19 per circa 167 milioni di euro. Il risultato tecnico, compreso il risultato dei trattati di riassicurazione con trasferimento del rischio non significativo, ammonta a 51 milioni di euro (56 milioni).

Nel 1° trimestre, le attività di riassicurazione property-casualty hanno contribuito al risultato per 358 milioni di euro (141 milioni). Il volume dei premi è salito a 6.330 milioni di euro (6.156 milioni), nonostante i controeffetti della conversione valutaria. Il combined ratio si è attestato al 98,9% (106,0%) dei premi netti di competenza.

Le maggiori perdite (superiori a 10 milioni di euro ciascuna) sono state pari a 892 milioni di euro (1.181 milioni). Le spese per grandi sinistri corrispondono al 15,5% (21,1%) dei premi netti di competenza e sono quindi superiori al valore medio atteso a lungo termine del 12%. I grandi sinistri causati dall’uomo sono scesi a 247 milioni di euro (973 milioni), comprese le perdite COVID-19 di circa 100 milioni di euro. Al contrario, i grandi sinistri da catastrofi naturali sono saliti a 646 milioni di euro (208 milioni), soprattutto a causa delle perdite di circa 450 milioni di euro dovute all’ondata di freddo che ha colpito il Texas negli Stati Uniti.

Nel 1° trimestre sono state sciolte riserve per sinistri di base degli anni precedenti per 230 milioni di euro (224 milioni di euro), il che corrisponde al 4,0% (4,0%) dei premi netti di competenza. Munich Re cerca continuamente di fissare l’ammontare delle riserve per i nuovi sinistri emergenti all’estremo superiore della gamma di stima, in modo che sia possibile trarre profitto dallo scioglimento di una parte di queste riserve in una fase successiva.

Nei rinnovi riassicurativi al 1° aprile 2021, Munich Re ha potuto aumentare il volume degli affari sottoscritti a 2,3 miliardi di euro (+17,1%). È stato possibile sfruttare le opportunità di crescita, soprattutto con i clienti globali e in Asia, in particolare in Giappone e in India. Per contro, Munich Re ha nuovamente interrotto in modo selettivo le attività che non soddisfano più le aspettative di rischio/rendimento. Nel complesso, i prezzi del portafoglio di Munich Re sono aumentati del 2,4%. Questa cifra è, come sempre, corretta per il rischio. In altre parole, gli aumenti dei prezzi sono compensati se il rischio sottostante è aumentato e le aspettative di perdita sono di conseguenza elevate. Allo stesso modo, le variazioni sono compensate dalla composizione delle diverse classi di attività nel portafoglio, in modo da rendere possibili confronti validi. Munich Re prevede che il contesto di mercato migliorerà di anno in anno nel prossimo rinnovo di luglio, come è avvenuto nei rinnovi precedenti.

Il risultato degli investimenti del Gruppo (esclusi gli investimenti assicurativi) è sceso a 1.691 milioni di euro (1.920 milioni) nel 1° trimestre. Il reddito regolare degli investimenti è sceso leggermente a 1.429 milioni di euro (1.544 milioni). Il saldo delle plusvalenze e minusvalenze su cessioni, esclusi i derivati, è aumentato a 983 milioni di euro (377 milioni). Il saldo netto dei derivati ammonta a -368 milioni di euro (1.600 milioni).

Munich Re prevede prospettive commerciali vantaggiose nella riassicurazione nel 2021. Ciò si riflette sui premi lordi contabilizzati in questo settore, dove gli obiettivi sono stati rivisti al rialzo da 37 a 39 miliardi di euro e che, a sua volta, porta la previsione per il Gruppo Munich Re a 57 miliardi di euro. Gli altri obiettivi comunicati per il 2021 nella relazione annuale 2020 del Gruppo Munich Re rimangono invariati. Munich Re punta a un utile consolidato di 2,8 miliardi di euro per l’esercizio 2021.

Munich Re