Munich Re: l’assemblea generale annuale approva un dividendo stabile di 9,80 € per azione

Joachim Wenning, presidente del consiglio di amministrazione di Munich Re, ha espresso fiducia nella redditività di tutti i settori di attività del gruppo durante il suo discorso agli azionisti: “Abbiamo reso Munich Re più redditizia, più digitale e più snella. Al netto degli effetti una tantum e delle grandi perdite, i nostri utili operativi sono aumentati considerevolmente negli ultimi tre anni. Questa tendenza fondamentale non è influenzata dall’impatto di COVID-19 sul nostro bilancio per il 2020”. Grazie all’uso intelligente dei dati e delle tecnologie digitali – così come un ampio portafoglio di iniziative digitali, partnership e partecipazioni – Wenning considera il gruppo ben posizionato per continuare a beneficiare della trasformazione digitale in corso.

Wenning ritiene inoltre che una stretta collaborazione tra i governi, le imprese e il pubblico sia indispensabile quando si tratta di affrontare i rischi sistemici oltre i limiti dell’assicurabilità. L’idea di un pool di rischio pandemico sostenuto dallo stato sarebbe un modo adatto per il governo e il settore privato di combinare le loro competenze e capacità in una soluzione comune. Inoltre, questo modello potrebbe affrontare anche altri rischi sistemici, come gli attacchi informatici alle infrastrutture critiche o alle reti di importanza sistemica.

Wenning vede la protezione del clima come un’altra sfida che può essere superata solo lavorando insieme: “Ora spetta ai leader di mercato e di pensiero fungere da modello e convincere il maggior numero possibile di persone a dare il buon esempio. Ecco perché, come parte della nostra ambizione 2025, abbiamo stabilito obiettivi di protezione del clima veramente audaci e specifici”. Wenning sollecita anche una maggiore cooperazione in materia di tecnologia e grandi dati. “Nel ventunesimo secolo, il progresso è digitale. A tal fine, abbiamo bisogno di un quadro organizzativo in Europa che permetta alle persone di sfruttare responsabilmente le opportunità. Questa è l’unica strada per l’Europa per diventare meno dipendente dagli altri e più competitiva”.

Nel corso dell’odierna assemblea generale è stato approvato un dividendo di 9,80 euro per azione per l’esercizio 2020, lo stesso del 2019. Il pagamento complessivo del dividendo ammonta a circa 1,37 miliardi di euro.

È stata concessa l’autorizzazione ad aumentare il capitale sociale della società di 117,5 milioni di euro da qui al 27 aprile 2026 mediante l’emissione di nuove azioni nominative senza valore nominale contro conferimenti in denaro o in natura. Ciò corrisponde a circa il 20% dell’attuale capitale sociale. Grazie a questo strumento, Munich Re mantiene senza soluzione di continuità la possibilità di rafforzare il capitale, se necessario, anche nei prossimi anni.

A partire dal 1° gennaio 2022, la remunerazione dei membri del Consiglio di sorveglianza sarà adeguata in base alle crescenti esigenze delle loro posizioni e al conseguente carico di lavoro e di tempo richiesto.

È stato approvato il sistema di remunerazione del Consiglio di gestione, già adottato dal Consiglio di sorveglianza e applicato a partire dal 1° gennaio 2021. I criteri di sostenibilità svolgono un ruolo più importante nel nuovo sistema di remunerazione. Dal 1° gennaio 2022, sarà aggiunta una categoria di obiettivi ESG (basati su aspetti ambientali, sociali e di governance) che costituirà il 20% del bonus pluriennale.
Per la seconda volta nella storia dell’azienda, l’assemblea generale annuale si è tenuta esclusivamente online a causa della pandemia COVID-19. Gli azionisti hanno potuto presentare in anticipo domande, dichiarazioni scritte e messaggi video, guardare l’intera assemblea generale sullo schermo ed esercitare il loro diritto di voto per via elettronica.

Munich Re