Italian Insurtech Association presenta il Manifesto per accelerare lo sviluppo del settore

Italian Insurtech Association ha presentato, in occasione dell’assemblea dei soci, il suo Manifesto 2021-2022, che punta su aumentare il valore degli investimenti, accelerare lo sviluppo di competenze digitali, adeguare il contesto normativo e confrontarsi con i player internazionali.

Il documento vuole definire in 13 punti la strategia per realizzare una rivoluzione digitale nel settore, per rispondere alla sfida di un mercato assicurativo che inevitabilmente diventerà sempre più digitale e tecnologico.

Nonostante la penetrazione delle polizze digitali in Italia non superi l’1,3%, lo scenario è destinato fortemente a cambiare. Da un’indagine prodotta da IIA in collaborazione con EMF group e supportata da elipsLife emerge infatti come entro 10 anni l’82% dei consumatori di prodotti assicurativi sarà digitale rispetto all’attuale 30-35%. A spingere questa crescita, oltre ai nuovi bisogni assicurativi (quali la salute e la sharing economy), la nascita di nuovi servizi proposti da distributori non assicurativi, come banche, utilities, grande distribuzione & ecommerce. Il 60% dei nuovi consumatori digitali ha infatti acquistato polizze online da questi nuovi attori e solo il 5% da una compagnia.

“Per evitare di rimanere schiacciati dai nuovi colossi del web, che offrono servizi online facilmente accessibili, il comparto assicurativo deve avviare una vera rivoluzione digitale al suo interno. – commenta Simone Ranucci Brandimarte Presidente di IIA – Le linee guida approvate oggi da tutta la comunità insurtech spingono per velocizzare la transizione digitale dell’industria assicurativa indicando nei 13 punti le misure alla base del cambiamento. La strategia per il 2021-2022 parte dall’obiettivo di aumentare drasticamente il valore degli investimenti in insurtech, per passare dai 50 milioni del 2020 a 1 miliardo di euro nel 2023. Un piano ambizioso che crediamo possibile attraverso una serie d’azioni: sviluppo delle competenze tecniche e digitali dei propri operatori, aumento delle sperimentazioni tecnologiche, accelerazione di poli digitali insurtech, valorizzazione degli investimenti del recovery plan, adeguamento normativo, confronto con la community internazionale, sostegno alla diversity e gender equality, creazione di una forte identità del settore”.

Durante l’Assemblea è stato approvato il nuovo consiglio direttivo, che ha visto la conferma di Simone Ranucci Brandimante a Presidente del Consiglio Direttivo e di Gerardo Di Francesco a Segretario Generale. Inoltre entrano nel consiglio direttivo in qualità di soci senior: Crif, Accenture, Reale Mutua, Leithà (gruppo Unipol).