I trimestre in rosso per PartnerRe

La società di riassicurazione PartnerRe, con sede alle Bermuda, ha annunciato una perdita netta di 433 milioni di dollari per il primo trimestre del 2020, a causa della volatilità dei mercati finanziari indotta da COVID-19 e all’indebolimento dei mercati azionari.
La perdita netta del primo trimestre 2020 di PartnerRe si confronta con l’utile netto di 497 milioni di dollari dell’anno precedente, e comprende perdite nette realizzate e non realizzate di investimenti per 27 milioni di dollari su scadenze fisse e investimenti a breve termine e 130 milioni di dollari di guadagni netti in valuta estera.
PartnerRe osserva che i suoi risultati del primo trimestre 2020 riflettono anche un’enorme perdita di 610 milioni di dollari di investimenti non realizzati, dovuta all’impatto economico dell’allargamento degli spread di credito e del calo dei mercati azionari, come risultato della pandemia COVID-19 in corso.
Nel complesso, PartnerRe ha riportato una perdita netta di investimenti pari a 503 milioni di dollari, che includeva il livello significativo di perdite di investimenti realizzati e non realizzati e anche perdite da investimenti con metodo azionario, parzialmente compensate da un reddito netto da investimenti pari a 103 milioni di dollari. PartnerRe aveva registrato un rendimento netto dell’investimento di 600 milioni di dollari nel primo trimestre del 2019. La società aggiunge che dalla fine del trimestre, il suo portafoglio di investimenti ha registrato un significativo recupero.
Oltre all’impatto sui suoi investimenti, COVID-19 ha anche avuto un impatto negativo sulla performance di sottoscrizione dell’azienda nel trimestre, anche se in misura minore.
In totale, PartnerRe ha subito perdite per 18 milioni di dollari a causa di due sinistri di cancellazione di eventi associati all’attuale crisi del primo trimestre 2020, che, combinati con un andamento negativo delle riserve dell’anno precedente di 95 milioni di dollari, hanno contribuito al deterioramento del combined ratio del segmento Specialty al 121,1%, contro il 116% dell’anno precedente.
Il Presidente e Amministratore Delegato (CEO) di PartnerRe, Emmanuel Clarke, ha commentato: “La pandemia COVID-19 è un test per il nostro settore e ci ricorda la potenziale gravità degli eventi sistemici e il valore di forti partnership riassicurative. Le nostre priorità nel rispondere alla pandemia di COVID-19, in rapida espansione nel primo trimestre, sono state la sicurezza del nostro personale e il servizio continuo e senza interruzioni di tutti i nostri partner commerciali. Nel nostro primo trimestre, abbiamo ottenuto risultati assicurativi positivi nei nostri segmenti P&C e Vita & Salute, che sono stati compensati dall’attività sinistri nel nostro segmento Specialty. Sono fiducioso che le azioni che abbiamo intrapreso nel corso dello scorso anno per migliorare la performance del nostro portafoglio, combinate con i forti aumenti dei tassi sottostanti nelle classi sinistrate, cominceranno a mostrare un impatto positivo. Continuiamo ad attuare la nostra strategia di crescita nel Vita & Salute per mantenere un portafoglio di attività ben diversificato e redditizio. Grazie alla solidità del nostro bilancio e al nostro portafoglio di investimenti di alta qualità, abbiamo la capacità di resistere a questa pandemia e al mutato ciclo economico, e siamo ben posizionati per l’indurimento dei prezzi della riassicurazione”.
Il risultato tecnico assegnato è stato un utile di 18 milioni di dollari nel primo trimestre del 2020, in calo rispetto ai 30 milioni di dollari dell’anno precedente, principalmente a causa di un impatto negativo di 23 milioni di dollari nel settore delle prestazioni minime garantite in caso di decesso (GMDB) in seguito al calo dei mercati azionari.
PartnerRe