SCOR, impatto Covid-19 irrilevante sui conti del I trimestre

L’assicuratore e riassicuratore globale SCOR ha registrato un aumento del 23,7% dell’utile netto a 162 milioni di euro nel primo trimestre del 2020 e un combined ratio P&C del 94,5%, registrando un impatto limitato della pandemia COVID-19 durante il periodo.

Il riassicuratore francese afferma che, sebbene i risultati del primo trimestre non siano stati materialmente influenzati dalla pandemia e dalla connessa crisi economica e finanziaria, l’evento è in corso e la società avverte che potrebbe registrare un aumento dei sinistri sia nel ramo danni che in quello vita, nonché un aumento delle perdite di valore degli attivi in corso.
I premi lordi contabilizzati sono aumentati di oltre il 4% a circa 4,2 miliardi di euro, contro i 3,9 miliardi di euro del primo trimestre del 2019.
Il cost ratio di gruppo di SCOR è leggermente migliorato nel trimestre, attestandosi al 4,7%, mentre anche la redditività annualizzata del capitale proprio (ROE) è migliorata su base annua, passando dal 9% al 10,7%.
Per segmento, e SCOR ha registrato una crescita sia nel ramo danni che in quello vita nel primo trimestre dell’anno. Inoltre, la società afferma che, nonostante l’epidemia di COVID-19 sia stata dichiarata pandemia nel corso del trimestre, sia il ramo danni che il ramo vita non hanno ricevuto alcuna richiesta di risarcimento rilevante per il periodo.
SCOR Global P&C ha registrato premi per circa 1,8 miliardi di euro nel primo trimestre del 2020, con un aumento di quasi il 5% rispetto ai 1,72 miliardi di euro del primo trimestre del 2019. Il combined ratio dell’unità è leggermente migliorato, raggiungendo il 94,5%.
SCOR attribuisce questo solido combined ratio a una limitata presenza di catastrofi naturali nel trimestre.

Mentre nel primo trimestre del 2020 i sinistri legati a COVID-19 sono stati limitati per SCOR, il riassicuratore evidenzia il panorama in rapida evoluzione e continua a seguire da vicino gli sviluppi.
All’interno del settore P&C, SCOR osserva che molti rami di attività semplicemente non subiscono l’impatto delle perdite o hanno un’esposizione minima. Il riassicuratore afferma che la sua attività di P&C non è coinvolta o ha un’esposizione “incidentale e immateriale” in molti dei rami maggiormente colpiti dalla pandemia, come la cancellazione di eventi o le attività di contingenza.

Per quanto riguarda la potenziale esposizione all’interruzione dell’attività, SCOR afferma di seguire da vicino gli sviluppi della situazione e mette in guardia da potenziali esposizioni all’interno del portafoglio di crediti commerciali, fideiussioni e rischi politici, anche se ciò sarebbe limitato a circa il 7% della base premi di SCOR Global P&C.
Dennis Kessler, Presidente e Amministratore Delegato (CEO) di SCOR, ha commentato: “La pandemia di Covid-19 è uno shock di gravità storica. È diventata una crisi sfaccettata che ha un profondo impatto sulla vita di miliardi di persone in tutto il mondo. In questo contesto, SCOR è stata proattiva nell’intraprendere azioni immediate per contribuire a fermare la diffusione della pandemia e per contribuire più in generale al benessere e alla resilienza della società, a beneficio di tutti i suoi stakeholder.
La nostra priorità assoluta è stata quella di proteggere attivamente la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti, di continuare ad operare in modo efficiente e a sostenere i nostri clienti in questo periodo di crisi, di condividere le nostre conoscenze sull’evoluzione della pandemia e di sottolineare l’importanza delle azioni preventive e protettive per contribuire a contenere il virus.
La crisi attuale è un calvario per tutti noi. Il Gruppo è pienamente mobilitato per anticipare, misurare e gestire gli impatti di questo grave shock, proprio come ha fatto per altri disastri in passato”.
Quanto a SCOR Global Life, i premi sono aumentati del 4% rispetto all’anno precedente, raggiungendo circa 2,4 miliardi di euro. Anche il margine tecnico vita è aumentato nel trimestre, raggiungendo il 7,4% contro il 7,2% dello stesso periodo dell’anno scorso.
Complessivamente, il margine tecnico netto del segmento vita si attesta a 159 milioni di euro nel primo trimestre del 2020. Ciò rappresenta una crescita del 4,4% rispetto all’anno precedente ed è trainato da una solida performance tecnica derivante dalla redditività delle attività in esercizio e da una redditività della nuova produzione in linea con l’obiettivo di ROE di SCOR.
SCOR osserva che è entrato nella pandemia con un portafoglio di investimenti resiliente e difensivo, con un limitato appetito per i rischi patrimoniali.
Nel complesso, nel primo trimestre del 2020 SCOR Global Investments ha conseguito un rendimento delle attività investite pari al 3,1%. Il totale degli investimenti ha raggiunto i 28,4 miliardi di euro, il totale degli attivi investiti ha raggiunto i 20,3 miliardi di euro e i fondi trattenuti sono stati pari a 8,1 miliardi di euro.
Guardando al futuro, e nonostante il fatto che SCOR abbia volontariamente ridotto il suo portafoglio di investimenti nel 2019, la compagnia osserva che potrebbe vedere una riduzione dei redditi da investimento grazie a rendimenti più bassi e subire maggiori riduzioni di valore delle attività a seguito della pandemia COVID-19.
SCOR