Pavimentazione pedonale con irregolarità naturali, la caduta non è addebitabile all’Ente gestore

Va respinta la richiesta risarcitoria presentata da una donna caduta a causa di irregolarità della pavimentazione, atteso che l’irregolarità della pavimentazione in porfido era naturale e, quindi, prevedibile.

Peraltro, l’incidente si era verificato con piena visibilità diurna, sicchè risultavano evidenti le colpe della donna, che non aveva prestato adeguata attenzione.

Cassazione civile sez. VI, sentenza del 18/12/2019 n. 33724

caduta