Mobbing, necessari plurimi comportamenti del datore che dimostrino l’intento persecutorio

Il mobbing lavorativo è configurabile ove ricorrano due elementi:

  • quello oggettivo, integrato da una pluralità di comportamenti del datore di lavoro
  • e quello soggettivo, integrato dall’intendimento persecutorio del datore medesimo.

Quest’ultimo richiede che siano posti in essere atti, contro la vittima, in modo miratamente sistematico e prolungato nel tempo, direttamente dal datore o di un suo preposto o di altri dipendenti, comunque sottoposti al potere gerarchico dei primi due.

Cassazione civile sez. lavoro, sentenza dell’11/12/2019 n. 32381

Mobbing