Le assicurazioni al tempo del coronavirus

MERCATO

Autore: Alberto Scardino
ASSINEWS 320 – giugno 2020

Seconda parte

Tornando sul tema degli effetti del coronavirus in ambito assicurativo, non si può omettere di considerare le conseguen­ze prodotte dal divieto degli spostamenti imposti, in misura rigorosa fino al 4 maggio, ai cittadini e così quelle derivanti dal blocco delle attività lavorative.

Relativamente al divieto di spostamenti, va segnalato come esso abbia determinato situazioni veramente paradossali, come denunciato lo scorso aprile dal presidente di COPAGRI Puglia Tommaso Battista, lamentando che vi erano state “di­verse segnalazioni da parte di nostri associati, ad esempio dal comune di Grumo, i quali lamentavano di essere stati fer­mati dai carabinieri, che hanno loro contestato le violazioni previste dal dpcm attualmente in vigore”; eguale situazione ha sottolineato Confagricoltura Campania, evidenziando le ripetute ammende comminate a lavoratori agricoli che utilizzano trasporti collettivi (e per “trasporti collettivi” si intende anche l’uso della propria autovettura col trasporto di altri occupanti! n.d.r.) per andare a lavorare e che, pur a fronte di un via libera a livello regionale di questa pratica, “le aziende stanno subendo notevoli disagi legati al fatto che troppo spesso le Forze dell’ordine impegnate nella vigilanza del territorio ignorano questi importanti chiarimenti (il via libera della regione; n.d.r.), comminando sanzioni ai lavo­ratori, aumentando così lo stato di difficoltà delle imprese”.

Non è quindi difficile immaginare che ciò potrebbe anche comportare una notevole lievitazione dei costi dei prodotti agricoli, che, tra l’altro, è già in atto, con pesanti ripercussioni a carico dei consumatori già duramente provati dall’emergen­za dovuta alla pandemia. Relativamente al blocco delle attività lavorative va segnalato che l’art. 91 del decreto legge n. 18 del 17 marzo 2020 ha pure previsto la modifica ed integrazione dell’art. 3 del precedente decreto legge n. 6 del 23 Febbraio 2020 – conver­tito con modificazioni dalla legge n. 13 del 5 marzo 2020 – inserendovi il comma 6°-bis, per il quale il rispetto delle misure di contenimento dell’emergenza epidemiologi­ca da Covid-19 deve essere considerato (evidentemente dal giudice, nel caso di mancata intesa tra le parti) al fine del riconoscimento di penali o de­cadenze connesse al ritardo o ad eventuale inadempimento.

CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante
Hai dimenticato la Password?
Registrati