Covid-19 e contagio sul lavoro: cosa rischiano i datori di lavoro francesi?

Il dibattito sui danni da contagio da Covid-19 e responsabilità del datore di lavoro (sul tema vedi il nostro Seminario on line del prossimo 11 giugno) è vivo anche Oltralpe. Anche in Francia, che ha aperto da poco la fase 2, una delle grandi “paure” dei datori di lavoro  è di ritrovarsi in tribunale dopo la morte di un dipendente a seguito di contagio da Covid-19. 

Se il governo ha detto “no” ai datori di lavoro e ai senatori che volevano eliminare la responsabilità dei dirigenti d’azienda e dei funzionari locali durante la pandemia, la legge che estende lo stato di emergenza sanitaria dell’11 maggio prevede un articolo, per il quale, per quanto riguarda la responsabilità penale, sia per le autorità locali che per i datori di lavoro, si dovrà “tenere conto delle competenze, del potere e dei mezzi [a loro disposizione] nella situazione di crisi che ha giustificato lo stato di emergenza sanitaria”.

“La responsabilità penale non è facile da attuare: bisogna dimostrare che non si tratta di una semplice imprudenza, ma di una violazione manifestamente deliberata di un obbligo sancito dalla legge”, osserva Yasmine Tarasewicz, un avvocato laburista dal lato del datore di lavoro. “È molto difficile provare il nesso causale tra il Covid-19 che colpisce un dipendente e il fatto che l’ha preso sul posto di lavoro e non nel trasporto o altrove”, spiega a Les Echos l’avvocato Claudia Chemarin. Per i dipendenti, “sembra più semplice cercare la colpa del datore di lavoro” davanti al tribunale del lavoro per ottenere un risarcimento finanziario, riassume un avvocato. Per preservare la salute e la sicurezza dei suoi dipendenti, il datore di lavoro ha un “obbligo di mezzi rafforzati”, dice la giurisprudenza. 

Un datore di lavoro che rispetta le pratiche commerciali come il protocollo nazionale di deconfinamento “ha tutte le indicazioni per dire che ha adempiuto al suo obbligo di mezzi, e quindi ha protetto i suoi dipendenti”, afferma il ministro del Lavoro, Muriel Pénicaud. Soggetto, comunque, dice il suo sito, al “sovrano apprezzamento dei giudici”. Questo non è trascurabile… I giudici verificheranno se il datore di lavoro ha rispettato tutti i suoi obblighi, dalla valutazione del rischio all’attuazione delle misure. 

“La soluzione per trovare un equilibrio probabilmente sta nelle trattative sociali”, dice Stéphanie Fougou, presidente onorario dell’Associazione francese degli avvocati d’impresa (AFJE). Potrebbe anche comportare il riconoscimento della Covid-19 come malattia professionale, attualmente concessa dal governo solo ai prestatori di cure e che i sindacati vorrebbero vedere estesa oltre. 

Secondo i legatli diversi reati potrebbero essere inclusi nel codice penale, nella categoria dei “reati non intenzionali”. Ad esempio gli attacchi involontari alla vita o all’integrità fisica, nel caso in cui un dipendente sia contaminato nel corso del suo lavoro. In questo caso, tuttavia, si dovrà stabilire che il datore di lavoro ha commesso un errore all’origine della contaminazione. Per questi illeciti è necessario un certo nesso causale tra il fatto e il danno. Questa prova è indubbiamente difficile da portare avanti, ma non è impossibile. Ad esempio, potrebbero considerare che un dipendente è stato necessariamente contaminato sul posto di lavoro se ci sono altri casi comprovati e la circolazione del virus è stata notevolmente ridotta. Ma anche altri reati potrebbero essere perseguiti, come “mancata assistenza a una persona in pericolo” e “mancata adozione di misure per combattere una catastrofe” se il datore di lavoro è a conoscenza di casi nei suoi stabilimenti e può adottare misure per proteggere meglio i suoi dipendenti.

L’articolo della legge dell’11 maggio 2020 che estende lo stato di emergenza sanitaria introduce un articolo che mira a “limitare” questa responsabilità.
Si tratta principalmente di una disposizione simbolica, poiché questo articolo richiede che la responsabilità penale per i reati non intenzionali sia valutata in concreto, cioè tenendo conto della competenza, del potere o dei mezzi della persona perseguita. La responsabilità penale per i reati non intenzionali è valutata in concreto come una questione di principio. L’interesse principale di questa misura è forse quello di ricordare questa esigenza nel particolare contesto di uno stato di emergenza sanitaria pubblica, e in particolare nel periodo di  deconfinamento in cui alcuni soggetti, come i datori di lavoro, devono conciliare il loro ritorno al lavoro con la conformità alle norme sanitarie, alcune delle quali possono essere difficili da attuare.

contagio sul lavoro