Buffett: Berkshire avrebbe fornito un’assicurazione contro la pandemia se fosse stata richiesta

Warren Buffett non finisce mai di stupire. Mentre il mercato statunitense (e non solo) delle assicurazioni a copertura dei danni da interruzione di attività è in subbuglio, il guru di Omaha afferma candidamente che “Berkshire Hathaway sarebbe stato disposta a fornire un’assicurazione contro la pandemia al giusto prezzo se la gente avesse chiesto la copertura”.

Parlando a margine dell’annuncio dei risultati trimestrali della compagnia, dopo che Berkshire ha annunciato perdite all’interno delle sue attività di ri/assicurazione e un’enorme perdita da investimenti non realizzati, Buffett ha discusso gli impatti della pandemia COVID-19 in corso.

Interrogato sulla possibilità che Berkshire possa offrire in futuro una protezione assicurativa contro la pandemia, ha detto: “Beh, la risposta è che noi assicuriamo un sacco di cose. Ma avremmo sottoscritto anche un’assicurazione contro la pandemia se la gente fosse venuta da noi e ci avesse offerto quello che pensavamo fosse il prezzo giusto. Avremmo sbagliato, probabilmente nel farlo. Ma non abbiamo alcuna riluttanza a citare cose molto insolite e limiti molto grandi. Siamo famosi per questo. Non l’abbiamo fatto molto in un certo periodo perché i prezzi non sono giusti.
Se venite da noi con richieste di coperture insolite, sia per le dimensioni che per la natura di ciò che è coperto, Berkshire è un ottimo posto dove fermarsi. E così, qualcuno si sogna una copertura e può dirci il prezzo che pagherà, noi prenderemo in considerazione la possibilità di sottoscriverla”.

“Non si sa con certezza la risposta. Ecco perché la gente compra le assicurazioni. Ma, saremmo disposti a sottoscrivere una copertura contro la pandemia al giusto prezzo”, ha detto.
Naturalmente, è difficile dire esattamente quale potrebbe essere il giusto prezzo, con la natura sistemica del rischio pandemico, simile al terrorismo, che rende estremamente difficile, se non impossibile, assicurare.

Buffett