AXA reagisce alla sentenza e decide di risarcire ristoranti per i danni da interruzione di attività

AXA soddisferà la maggior parte delle richieste di interruzione dell’attività da parte dei proprietari di ristoranti in Francia che ne hanno fatto richiesta, ha dichiarato martedì, dopo aver perso un caso giudiziario visto come un potenziale precedente per le controversie legate al coronavirus in tutto il mondo.

Un tribunale di Parigi ha stabilito la scorsa settimana che AXA debba risarcire al proprietario di un ristorante due mesi di perdite di fatturato causate dal lockdown imposto a seguito dello scoppio della pandemia di Covid-19.

Stephane Manigold, il proprietario dei quattro ristoranti di Parigi che ha intentato la causa contro l’assicuratore francese, ha detto a Reuters che dopo la decisione del tribunale il suo team aveva ricevuto chiamate da Gran Bretagna, Sudafrica, Spagna e Stati Uniti per chiedere dettagli sul suo contratto e sulla sentenza del tribunale.
“Questa decisione a Parigi ha una risonanza globale”, ha detto.

AXA ha detto che si appellerà contro la sentenza di Parigi, ma l’amministratore delegato Thomas Buberl ha detto che la società sta cercando una soluzione amichevole e ha pianificato di soddisfare la maggior parte delle richieste di risarcimento da parte dei proprietari di ristoranti, i cui contratti conterrebbero una certa ambiguità.
“Questi contratti rappresentano meno del 10% del totale dei contratti (20mila circa ndr)con i proprietari dei ristoranti e sono fiducioso che troveremo una soluzione”, ha detto Buberl.
“Vogliamo compensare una parte sostanziale di questi contratti; vogliamo farlo rapidamente”.

La stragrande maggioranza di questi 20.000 ristoratori assicurati avrebbe stipulato contratti con clausole di esclusione del rischio pandemico. Tuttavia, “in un centinaio di ‘vecchi contratti'”, non c’è scritto nulla, non è previsto nulla. In questo caso, abbiamo deciso di indennizzare i ristoratori”, conferma una fonte al settimanale L’Argus. Proprio come altri assicuratori, che nelle ultime settimane hanno dichiarato di voler compensare le perdite di esercizio di alcuni clienti.

Tuttavia, rimane un’ultima categoria. Il famoso “meno del 10%” dei 20.000 contratti stipulati dai ristoratori. Si tratterebbe di circa 1.500-1.700 contratti in cui esiste una garanzia contrattuale a copertura del risarcimento delle perdite di esercizio, ma in cui è possibile, secondo Axa, “una differenza di interpretazione”. Per questi contratti, Axa intende favorire una situazione di dialogo e trovare una soluzione con i propri clienti. L’assicuratore li avrebbe già contattati e sarebbe ancora in discussione con loro.

Alcuni altri assicuratori francesi hanno dichiarato che pagheranno le perdite da interruzione dell’attività ad alcuni clienti, a seconda dei contratti specifici. Generali France, ad esempio, ha dichiarato che effettuerà pagamenti a 600 imprese del settore alberghiero e della ristorazione.

AXA ha anche detto che fornirà altri 500 milioni di euro in aiuti alle piccole imprese, in aggiunta ai piani già annunciati dagli assicuratori francesi di investire 1,7 miliardi di euro in imprese nazionali.
“L’idea è chiaramente quella di rafforzare quelle aziende che sono indebolite da questa crisi”, ha detto Buberl.

AXA