Il gap di protezione assicurativa contro le catastrofi naturali in Italia

Swiss Re organizza domani a Roma (ore 10.00 – MAXXI, Museo nazionale delle arti del XXI secolo) ilconvegno “Il gap di protezione assicurativa contro le catastrofi naturali in Italia. Costruire insieme la resilienza del Paese“. L’attenzione sarà focalizzata su come il settore pubblico e il settore assicurativo e riassicurativo privato possano contribuire in Italia per rendere il Paese più resiliente di fronte alle catastrofi naturali.

I terremoti e le inondazioni che hanno duramente e ripetutamente colpito l’Italia nel corso degli anni – sino ai drammatici eventi più recenti – impongono un’approfondita riflessione nel Paese sul persistente gap di protezione, anche assicurativa, che riduce significativamente la resilienza della comunità nazionale e ne condiziona negativamente il futuro. Il tempo per agire è ora: un dialogo aperto tra pubblico e privato può portare alle soluzioni che il Paese chiede con urgenza.

L’obiettivo primario del convegno, che vedrà la partecipazione di personalità di spicco dell’industria assicurativa ed esponenti di alto livello delle istituzioni, è quello di creare un’occasione di incontro tra settore pubblico e settore privato, per stimolare un confronto concreto sulle soluzioni possibili per agevolare decisioni che siano nell’interesse più generale del Paese. Il nostro CEO di Gruppo, Christian Mumenthaler, e Carlo Coletta, CEO di Swiss Re in Italia, saranno lieti di incontrarla in questa occasione.

Il programma prevede gli interventi di

1.       Giovanna Melandri, Presidente Fondazione MAXX
2.       Gianluca Galletti, Ministro dell’Ambiente
3.       Christian Mumenthaler, CEO di Gruppo Swiss Re
4.       Maria Bianca Farina, Presidente ANIA

Seguirà una tavola rotonda moderata da Enrico Cisnetto con la partecipazione di Guido Castelli, Sindaco di Ascoli Piceno, Carlo Coletta, CEO Swiss Re Italy, Fabrizio Curcio, Capo Dipartimento Protezione Civile, Mauro Masi, Presidente e AD Consap e Mauro Montagnini, Direttore Generale ANIA.

Al termine della tavola rotonda è previsto un light lunch.