Willis Tower Watson: gli investimenti sostenibili chiave di svolta per gli asset manager

Secondo l’indagine Global Investment Matters di Willis Towers Watson, la dimestichezza con strategie sostenibili sarà per gli asset manager un requisito fondamentale per gestire mandati di investimento. Gli investitori, infatti, vogliono avere un’idea sempre più chiara dei rischi con cui hanno a che fare i gestori dei loro patrimoni, sia a livello di portafoglio che a quello di strategia generale.

“Molti dei beneficiari finali, come ad esempio i membri dei fondi pensione, enti di beneficenza e fondazioni, essendo fortemente coinvolti sul tema, sono molto attenti alla sostenibilità”, ha detto Alessandra Pasquoni, Responsabile investimenti di Willis Towers Watson.

Nell’indagine viene evidenziato come il concetto di sostenibilità non sia ben definito e come questo rappresenti un ostacolo sia per l’adozione di strategie di ESG articolate da parte degli investitori sia per la loro implementazione da parte degli asset manager. Viene però indicato come qualsiasi approccio non possa prescindere da una considerazione iniziale degli impatti finanziari dei rischi e delle opportunità ESG e implichi che i gestori tengano conto dei rischi ESG nella fase di selezione e costruzione di un portafoglio.

Può anche indicare un’inclinazione del portafoglio verso le aziende che rispettano i criteri ESG in maniera significativa, nella convinzione che questi fattori non siano ripagati dalle valutazioni correnti. Inoltre, può comportare mirati investimenti tematici, per esempio, nel settore immobiliare sostenibile sulla base del fatto che i mercati non stanno riconoscendo pienamente l’opportunità offerta dal passaggio a un’economia a basse emissioni di carbonio.

“Qualunque sia l’approccio che si decida di adottare, deve essere sostenuto da un’ efficace gestione degli asset. Attraverso politiche di voto efficaci e impegno, gli asset manager possono influenzare le aziende per aumentare il loro ruolo e gestire le loro attività in modo più sostenibile”.

Nell’indagine, Willis Towers Watson esplora anche l’aspetto più controverso per gli investitori: accettare che una maggiore attenzione alla sostenibilità e al lungo periodo comporti la rinuncia a guadagni immediati per ottenere migliori risultati futuri.

“La questione per cui la sostenibilità possa significare sacrificare i rendimenti è dibattuta. Sebbene i primi studi abbiano indicato che l’inclusione di fattori ESG crei una leggera sottoperformance, vi sono significative evidenze che suggeriscono come la loro adozione possa aiutare la composizione del portafoglio o migliorare i rendimenti di portafogli non ESG: la situazione non è così netta e spesso suggerisce che ‘G’ o la governance è il fattore chiave che spiega risultati superiori. Altri studi suggeriscono che l’impegno dell’azienda può portare a rendimenti adeguati al rischio superiore, il che suggerisce nuovamente che una buona governance sia un fattore chiave. “

Secondo Willis Towers Watson, i proprietari degli asset cercheranno di collaborare con le altre entità coinvolte per garantire che si esprimano al fine di ottenere un cambiamento positivo.

“Tutto il settore degli investimenti deve dimostrarsi all’altezza di questa sfida. I clienti lo chiedono sempre più insistentemente – sono messi sotto pressione dai singoli membri, dagli sponsor, dai regolatori e dalla stessa industria, così come aumenta l’evidenza che i rischi ESG stanno aumentando e necessitano di essere compresi e gestiti al meglio”, conclude Pasquoni.