Munich Re: in calo l’utile del I trimestre a 430mln, ridotto il target 2016

Munich Re ha chiuso con un utile netto di 430 milioni il primo trimestre, in netto calo rispetto al I trimestre 2015 (790 milioni) ed ha annunciato una revisione al ribasso dei target per quest’anno. La stima dell’utile netto scende a 2,3 miliardi rispetto a un range di 2,3-2,8 miliardi indicato in precedenza.

Il CFO Jörg Schneider non ha nascosto la delusione: “Il risultato del primo trimestre è al di sotto delle nostre aspettative. I primi tre mesi dell’anno sono stati caratterizzati da una
incidenza sotto la media casuale di grandi sinistri. Tuttavia, abbiamo dovuto far fronte a
un calo significativo del risultato sugli investimenti”.

Il risultato trimestrale è stata dominata da un calo dei risultati sugli investimenti. Mentre i tassi di interesse più bassi hanno fatto sì che ERGO Life and Health abbiano potuto registrare guadagni elevati sui derivati ​​utilizzati nel programma di copertura dei tassi di interesse, i risultati degli investimenti degli altri segmenti sono stati negativamente
colpiti da perdite nel portafoglio azionario.

Il risultato operativo è stato di €726 mln contro €995 mln di un anno prima. Il RORAC si è attestato a 7.3%e il RoE a 5.6%. I premi sono scesi del 4% a €12,511 mln

Nella riassicurazione l’utile è stato di 445 mln (contro i 668 di un anno prima) e il risultato operativo è sceso da 514 mln a 243 mln, con i premi in calo del 3,9% a 6,733 mln.

 

La riassicurazione vita ha registrato un utile di  €20 mln (contro 70 di un anno prima), il Property-casualty ha contribuito all’utile con €425 mln (contro 598 mln).

I costi per i grandi sinistri sono stati sotto la media totalizzando 100 mln.