I farmacisti tra riforme, corporativismi e scenari futuri della professione

Previdenza

Autori: Alberto Cauzzi e Silvin Pashaj
ASSINEWS 242: maggio 2013

(ASCA) – Roma, 16 feb – “Lobby e corporazioni sono al lavoro in Parlamento per neutralizzare le liberalizzazioni del Governo Monti. Timide liberalizzazioni nel settore  farmaceutico perché pur aumentando il numero delle farmacie pongono limiti alla libertà d’impresa e continuano a mantenere la pianificazione numerica dell’offerta”. È quanto sottolinea in una nota il Movimento Nazionale Liberi Farmacisti che giudica “allarmante il fronte dei farmaci ove contro l’obbligo d’informare i pazienti circa  l’esistenza di un farmaco generico e minor costo direttamente nella ricetta, alcune associazioni sindacali di medici attuano una protesta ‘strisciante’ scrivendo su tutte le ricette, sia in quelle con farmaci ‘griffati’ che in quelle che prescrivono farmaci alternativi, ‘non sostituibile’”. CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati


epheso_logo

Strumenti e Metodi per la Consulenza nel Mercato Assicurativo – Previdenziale
– Finanziario www.epheso.it