Tornano le sanzioni milionarie a marzo per le compagnie:

Nuova impennata  delle sanzioni ISVAP a marzo, a causa di 4 sanzioni da 1 mln di euro comminate a Novit Assicurazioni S.p.A., Crédit Agricole Ass.ni S.p.A., Inchiaro Assicurazioni S.p.A. e Ubi Assicurazioni S.p.A.:

• soggetti sanzionati: 39
• numero delle sanzioni inflitte: 468
• ammontare complessivo delle sanzioni: € 7.561.501,10
• importo medio della sanzione: € 16.157.

 

In testa alla classifica per importo, con sanzioni per 1.228.655,56 €  Novit Assicurazioni S.p.A., comminate a seguito di accertamenti ispettivi presso la struttura liquidativa gestita dall’outsourcer Centro Servizi Liquidativi S.I.P.A. s.r.l di Torino per le seguenti fattispecie:
– inadeguatezza del sistema dei controlli interni in ordine a carenze, palesate dal sistema informatico e dalle procedure di gestione e riservazione dei sinistri, che avevano prodotto gravi inadempimenti normativi nell’attività di gestione e liquidazione dei sinistri, anomalie nella valutazione delle riserve ed incompletezza dei dati presenti nel sistema informatico di gestione dei sinistri;
– mancato rispetto, per sinistri del ramo r.c. auto con 154 posizioni di danno, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato, per la relativa corresponsione ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa.

Le altre sanzioni milionarie a Crédit Agricole Ass.ni S.p.A., Inchiaro Assicurazioni S.p.A. e Ubi Assicurazioni S.p.A. sono state inflitte per elusione dell’obbligo legale a contrarre rispetto ad alcune categorie di assicurati e per determinate zone territoriali.

Nella classifica per numero troviamo in prima posizione con ben 135 sanzioni Unipol, che riceve sanzioni per un importo totale di 982.545 €.

 

Risparmiati questo mese gli intermediari. Solo una infatti la sanzione a questa categoria, a Ripani Adriana, che viene sanzionata per 3.333,33 per mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale.

 

Di seguito le classifiche, per importo e per numero.

 

 

Il dettaglio delle sanzioni e delle motivazioni:

Download (PDF, Sconosciuto)