Assicurazione incendio – clausola ricorso terzi

Il proprietario di un fabbricato adibito a discoteca gestita da terzi assicura contro l’incendio la sola partita “fabbricato” in conformità al suo interesse.

La polizza contiene la clausola “ricorso terzi” come da allegato e nessuna clausola specifica in materia di “ricorso locatari”.
Il mio dubbio è: la “ricorso terzi” (in ispecie) copre i danni del gestore della discoteca sita nel fabbricato oppure dalle clausole allegate non deriva alcuna copertura per rc del proprietario per danni a cose della discoteca da “sinistro indennizzabile a termini di polizza”?

Certo è che trattasi di cose di terzi assicurate come cita il comma 1 della clausola “ricorso terzi” Il dubbio mi sorge in merito alla esclusione relativa a “cose in consegna e custodia a qualsiasi titolo” di cui al terzo comma della citata clausola.
Logo di Assinews Risponde

Dalla documentazione inviataci e secondo il tenore del quesito stesso, si ricava che la garanzia di responsabilità civile “per i danni cagionati alle cose di terzi …” si riferisce al soggetto assicurato, ossia al proprietario del fabbricato – come ci viene riferito nel quesito.

Pertanto, unicamente la responsabilità civile ai sensi di legge di quest’ultimo è oggetto dell’estensione di garanzia in argomento.
La fattispecie dei danni alle cose del gestore, per fatto imputabile al proprietario del fabbricato, è da considerarsi coperta a meno che le predette cose danneggiate non siano oggetto di diretta “custodia” del proprietario del fabbricato assicurato o da lui a qualsiasi titolo “detenute”, situazione questa che ci parrebbe non ricorrere nel caso prospettato.