Volkswagen chiede oltre un miliardo all’ex ceo Winterkorn

Si tratta della più alta richiesta di risarcimento danni contro un membro del consiglio di amministrazione in Germania fino ad oggi.

In una lettera, Volkswagen spiega perché Winterkorn sia obbligato a pagare i danni nello scandalo delle emissioni. Secondo le informazioni del Süddeutsche Zeitung, NDR e WDR, la casa automobilistica di Wolfsburg chiede più di un miliardo di euro all’ex numero uno. Ha dovuto dimettersi nel settembre 2015 a causa della vicenda dei veicoli diesel manipolati con emissioni eccessive. Ora, cinque anni e mezzo dopo, arriva la fattura. Nessun (ex) capo d’azienda in Germania ha mai ricevuto un tale conto. Lo scandalo delle emissioni è costato finora a VW più di 30 miliardi di euro.

Il consiglio di sorveglianza della Volkswagen chiede anche i danni ad altri quattro ex manager. Tra loro c’è Rupert Stadler, a lungo a capo della filiale Audi di Ingolstadt della VW. Tuttavia, il suo conto dovrebbe essere molto più piccolo di quello di Winterkorn. Gli avvocati di Winterkorn e Stadler non hanno voluto commentare. Naturalmente, il consiglio di sorveglianza della VW sa perfettamente che Winterkorn non è un miliardario e che non può pagare tutto questo. Le rivendicazioni contro l’ex capo e i suoi ex-colleghi sono quindi in prima istanza destinate a agli assicuratori con i quali Volkswagen ha stipulato una polizza di responsabilità civile per i manager (D&O). Si dice che la polizza ammonti a 500 milioni di euro e forse anche di più. Il processo contro Winterkorn dovrebbe iniziare a metà settembre.

Volkswagen accusa Winterkorn di aver violato i doveri ufficiali durante le ultime sette settimane e mezzo del suo mandato di più di otto anni e mezzo come CEO. Secondo  Volkswagen vse Winterkorn avesse agito immediatamente dopo il 27 luglio 2015, l’azienda si sarebbe risparmiata costi per più di un miliardo di euro.

Winterkorn ha detto per anni che non sapeva nulla delle manipolazioni. Resta da vedere se la sua versione sia sostenibile. Diversi ex colleghi VW incriminano l’ex amministratore delegato. I colleghi, un avvocato e diversi tecnici, hanno testimoniato di aver informato Winterkorn delle manipolazioni alla fine di luglio 2015.

Di solito, in questi casi si arriva a un accordo amichevole. Naturalmente, c’è una grande incognita in tutto questo: il sistema di giustizia penale. Se Winterkorn, Stadler, Hackenberg, Hatz e Knirsch dovessero essere condannati per frode, Volkswagen non riceverà nulla dai suoi assicuratori di responsabilità civile. La politizza non si applica in caso di dolo.

Volkswagen