Swiss Re: l’economia mondiale rischia di perdere fino al 18% del PIL a causa del cambiamento climatico

Il cambiamento climatico rappresenta la più grande minaccia a lungo termine per l’economia globale. Se non si prendono misure di mitigazione, le temperature globali potrebbero aumentare di più di 3°C e l’economia mondiale potrebbe ridursi del 18% nei prossimi 30 anni. Ma l’impatto può essere ridotto se si intraprende un’azione decisiva per raggiungere gli obiettivi fissati nell’accordo di Parigi, come mostra il nuovo Climate Economics Index dello Swiss Re Institute. Ciò richiederà più di quanto promesso oggi; i settori pubblico e privato giocheranno un ruolo cruciale nell’accelerare la transizione verso lo zero netto.

Swiss Re Institute ha condotto uno stress test per esaminare come 48 economie sarebbero colpite dagli effetti in corso del cambiamento climatico sotto quattro diversi scenari di aumento della temperatura. Poiché il riscaldamento globale rende più grave l’impatto dei disastri naturali legati al clima, può portare a sostanziali perdite di reddito e di produttività nel tempo. Per esempio, l’innalzamento del livello del mare comporta la perdita di terre che altrimenti potrebbero essere utilizzate in modo produttivo e lo stress da calore può portare a fallimenti del raccolto. Le economie emergenti nelle regioni equatoriali sarebbero le più colpite dall’aumento delle temperature.

In uno scenario grave di un aumento della temperatura di 3,2°C, la Cina rischia di perdere quasi un quarto del suo PIL (24%) entro la metà del secolo. Gli Stati Uniti, il Canada e il Regno Unito vedrebbero tutti una perdita del 10% circa. L’Europa soffrirebbe leggermente di più (11%), mentre economie come la Finlandia o la Svizzera sono meno esposte (6%) rispetto, per esempio, alla Francia o alla Grecia (13%).

Oltre a valutare l’impatto economico previsto di ogni paese dai rischi climatici, lo Swiss Re Institute ha anche classificato ogni paese sulla sua vulnerabilità a condizioni climatiche estreme, secche e umide. Inoltre, ha esaminato la capacità del paese di far fronte agli effetti del cambiamento climatico. Messi insieme, questi risultati generano una classifica della resilienza dei paesi agli impatti del cambiamento climatico.

La classifica mostra una visione simile all’analisi dell’impatto del PIL: i paesi più colpiti negativamente sono spesso quelli con meno risorse per adattarsi e mitigare gli effetti dell’aumento delle temperature globali. I paesi più vulnerabili in questo contesto sono Malesia, Thailandia, India, Filippine e Indonesia. Le economie avanzate dell’emisfero settentrionale sono le meno vulnerabili, compresi gli Stati Uniti, il Canada, la Svizzera e la Germania.

Misure coordinate da parte dei maggiori emettitori di carbonio del mondo sono cruciali secondo Swiss Re per raggiungere gli obiettivi climatici. I settori pubblico e privato possono facilitare e accelerare la transizione, in particolare per quanto riguarda gli investimenti in infrastrutture sostenibili che sono vitali per rimanere al di sotto di un aumento della temperatura di 2°C. Dato l’orizzonte a lungo termine delle loro passività e il capitale a lungo termine da impegnare, gli investitori istituzionali come i fondi pensione o le compagnie di assicurazione sono anche nella posizione ideale per giocare un ruolo forte.

Mitigare il cambiamento climatico richiede un intero menu di misure. Sono necessarie più politiche di carbon pricing combinate con incentivi per soluzioni basate sulla natura e sulla compensazione del carbonio, così come una convergenza internazionale sulla tassonomia per gli investimenti verdi e sostenibili. Come parte del reporting finanziario, le istituzioni dovrebbero rivelare regolarmente come prevedono di raggiungere l’accordo di Parigi e gli obiettivi di emissioni nette zero. I ri/assicuratori hanno anche un ruolo nel fornire capacità di trasferimento del rischio, conoscenza del rischio e investimenti a lungo termine, usando la loro comprensione del rischio per aiutare le famiglie, le aziende e le società a mitigare e adattarsi al cambiamento climatico.

cambiamento climatico