L’assicurazione è responsabile della sottrazione del titolo di credito se spedito con posta ordinaria

Lo ha ribadito la sesta sezione civile della Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 9842 del 14 aprile 2021 aderendo al consolidato orientamento giurisprudenziale delle Sezioni Unite sulla spedizione dei titoli di credito. Un tema molto avvertito dalle compagnie assicurative che pur adottando sicuri sistemi certificati continuano a registrare incassi indebiti di titoli trafugati da parte di terzi 

di MR. OLIVIERO

Il caso

Per liquidare un danno a seguito di una richiesta di risarcimento, una compagnia di assicurazioni aveva inviato al beneficiario un titolo di traenza per posta ordinaria, senza utilizzare una spedizione che potesse offrire maggiori garanzie come la Raccomandata Assicurata e il corriere espresso per il trasporto di valori. Una modalità di invio che ha agevolato la sottrazione del titolo e il successivo incasso da parte di un soggetto terzo diverso dal beneficiario e comunque non legittimato. Per ottenere l’intero importo indebitamente sottratto l’assicurazione chiama in causa Poste Italiane che ha erroneamente negoziato il titolo senza prestare le dovute precauzioni per non aver correttamente individuato l’effettivo beneficiario.

Verifiche bancarie sull’identità del beneficiario
CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante
Hai dimenticato la Password?
Registrati

© Riproduzione riservata