Insurance Europe: l’auto rappresentava nel 2019 il 36% dei rami danni in Europa (147 mld)

Secondo i dati 2019 di recente pubblicati da Insurance Europe, il motor rappresenta in Europa il 36% del settore P&C in termini di premi.

Le dimensioni del mercato dell’assicurazione auto nei singoli paesi dipendono da diversi fattori, come le dimensioni della sua economia, la sua geografia e la sua demografia. Negli ultimi anni, si è osservato un aumento del numero di veicoli assicurati nella maggior parte dei mercati.

La sicurezza stradale in Europa è migliorata sostanzialmente, nonostante ci siano più auto sulla strada. Nel 2019, le vittime di incidenti stradali erano inferiori del 23% rispetto a 10 anni prima. Le lesioni da incidenti stradali sono diminuite nella maggior parte dei paesi europei nello stesso periodo.
In generale, c’è stato un calo nella frequenza dei sinistri automobilistici (dati OCSE).

Tuttavia, allo stesso tempo, il costo dei sinistri auto è aumentato a causa dell’aumento del costo delle riparazioni dei veicoli (sia la manodopera che i pezzi di ricambio), all’aumento delle spese mediche per le lesioni e all’aumento del valore dei veicoli rubati.
Di conseguenza, gli assicuratori motor europei hanno pagato un totale di 103 miliardi di euro per sinistri nel 2019; il 3,9% in più rispetto all’anno precedente e il 7,3% più di un decennio fa.

Di tutti i sinistri motor pagati in Europa, quasi due terzi sono relativi ai quattro mercati più grandi: Germania (+4,5% di crescita annuale), Francia (+2,5%), Regno Unito (+3,2%) e Italia (+1,3%).

Negli ultimi cinque anni, il settore europeo delle assicurazioni auto si è espanso costantemente. Questa espansione è rallentata nel 2019, ma è stata ancora robusta, producendo una crescita del 3,1%, rispetto al 4,3% del 2018.
I premi auto hanno raggiunto il massimo storico di 147 miliardi di euro nel 2019.
La crescita è stata registrata in quasi tutti i paesi, anche se a ritmi diversi, con i mercati più piccoli che di solito sperimentano tassi di crescita più elevati rispetto a quelli più grandi. La Lettonia e la Svizzera sono stati gli unici paesi senza crescita, con premi che sono rimasti sostanzialmente stabili (-0,2%).

I tre maggiori mercati dell’assicurazione auto, la Germania (+2,2%), la Francia (+3,0%) crescita), Francia (+3,0%) e Regno Unito (+0,7%), rappresentano la metà di tutti i premi auto. La crescita in questi paesi è rallentata rispetto all’anno precedente.

L’Italia, il quarto mercato in ordine di grandezza, è stata caratterizzata da una persistente
concorrenza e da una redditività in calo. Nel 2018, i premi sono rimbalzati (+1,2%) dopo sei anni di calo e hanno continuato a crescere nel 2019, anche se solo dello 0,8%.
Anche la Spagna e la Polonia, il quinto e sesto mercato, hanno registrato un rallentamento della crescita: 3,7% in Spagna nel 2019 (8,1% nel 2018) e 0,5% in Polonia nel 2019 (4,5% nel 2018).
Una crescita sostanziale è stata vista in alcuni dei mercati automobilistici più piccoli, guidati da Ungheria con una crescita del 25,8% a seguito di una tassa sui premi auto introdotta
nel 2019.

In media sono stati spesi 244 euro per l’assicurazione auto in Europa nel 2019 – un aumento del 2,8% rispetto al 2018. La penetrazione dell’assicurazione auto è rimasta allo 0,83% del PIL.

In Italia, i sinistri auto pagati sono diminuiti gradualmente tra il 2009 e il 2017. Nel 2018 e nel 2019 si sono registrati leggeri aumenti dello 0,9% e dell’1,3% rispettivamente, ma il totale dei sinistri pagati è ancora in calo di quasi un quarto rispetto a 10 anni prima.
Anche i premi sono scesi, diminuendo del 18% nel decennio.
Il calo dei sinistri è stato la conseguenza di un calo sia della frequenza che del
costo dei sinistri negli ultimi anni. Questo sviluppo positivo ha preso forma soprattutto dopo la graduale introduzione delle black box nei veicoli. Questi dispositivi hanno promosso con successo un comportamento di guida comportamento di guida responsabile, hanno ridotto le frodi e hanno permesso agli assicuratori di fare valutazioni più accurate dei danni.
Nel 2019, un totale di 7,3 milioni di veicoli assicurati (il 7,4% in più rispetto al 2018) avevano scatole nere installate – più di un’auto su cinque.

auto