Gli investimenti preferiti dai tedeschi nella pandemia

Non sono solo gli italiani ad essere diventati ancora più formiche durante la pandemia. Secondo un sondaggio realizzato dall’Associazione delle Casse di risparmio (Bausparkassen), i tedeschi privilegiano soprattutto i conti correnti e i libretti di risparmio nella crisi della pandemia da Coronavirus. I primi raggiungono addirittura un nuovo massimo. Tutti gli altri prodotti di accantonamento sono al livello dell’anno precedente o sono solo leggermente aumentati. Le pensioni Riester e gli investimenti a breve termine sono stagnanti o in leggero calo.

L’istituto di ricerche di mercato Kantar TNS ha nuovamente intervistato 2.000 persone dai 14 anni in su per suo conto. Erano possibili più risposte.

Dopo il conto corrente e i libretti di risparmio seguono l’assicurazione sulla vita (in aumento di due punti percentuali al 30 per cento) e i Bausparverträge – prodotti di risparmio edilizio (in aumento di un punto percentuale al 28 per cento). Il quinto e sesto posto vanno al settore immobiliare (in aumento di un punto percentuale al 26%) e ai fondi d’investimento (in aumento di due punti percentuali al 23%).

Un tedesco su cinque ha investito in una pensione Riester (21%). Tuttavia, questa forma di investimento è stagnante. Altrettanti hanno investito in investimenti a breve termine come conti di deposito a termine fisso o depositi a tempo, anche se questi hanno visto una leggera tendenza al ribasso (meno di un punto percentuale al 21%).

Le azioni (in aumento di un punto percentuale al 17%) e i titoli a reddito fisso (in aumento di due punti percentuali al 7%) hanno visto leggeri guadagni. Tuttavia, entrambe le forme di investimento rimangono ancora le meno menzionate dagli intervistati.

investimenti