Cdp, prime sottoscrizioni al Progetto Economia Reale

Prime sottoscrizioni dei fondi pensione al Progetto Economia Reale. L’iniziativa promossa da Cassa depositi e prestiti, Assofondipensione e Fondo Italiano d’Investimento sgr ha raccolto 68 milioni da Arco, Laborfonds e Pegaso. Il progetto è stato ideato come una piattaforma di fondi di fondi focalizzati sul private equity e sul private debt. Cassa depositi e prestiti ha investito risorse per 550 milioni, di cui 300 in FoF Private Equity Italia e 250 in FoF Private Debt Italia, permettendo l’avvio dell’operatività. Arco, fondo pensione complementare per i lavoratori dei settori legno, sughero, mobili, ha sottoscritto 24,4 milioni di euro, di cui 12,2 nel FoF Private Debt Italia e 12,2 nel FoF Private Equity Italia. Laborfonds, fondo pensione complementare negoziale dedicato ai lavoratori dipendenti del territorio del Trentino-Alto Adige ha invece sottoscritto 30 milioni di euro, di cui 20 milioni nel FoF Private Debt Italia e 10 milioni nel FoF Private Equity Italia. Pegaso, fondo pensione complementare per i dipendenti delle imprese di servizi di pubblica utilità, ha sottoscritto 14,3 milioni di euro, di cui 10 milioni nel FoF Private Equity Italia e 4,3 milioni nel FoF Private Debt Italia. «Siamo soddisfatti per questo primo concreto passo nell’avvio del Progetto Economia Reale, che abbiamo presentato un anno fa assieme ad Assofondipensione allo scopo di attivare risorse finanziarie per dare impulso alla crescita economica del Paese», ha commentato Pierpaolo Di Stefano, chief investment officer di Cdp e amministratore delegato di Cdp Equity, «Cdp ha creduto dall’inizio nel Progetto, investendo 550 milioni di euro, creando le condizioni per un coinvolgimento dei fondi pensione. Queste risorse e quelle che contiamo presto di attrarre rappresentano, oggi più che mai, uno strumento molto importante per aiutare la crescita e la competitività delle imprese italiane». «Il Progetto Economia Reale stia cominciando a raccogliere i primi impegni formali da parte dei fondi pensione e confidiamo nel fatto di poter raggiungere gli obiettivi di raccolta che ci siamo prefissati», ha dichiarato Antonio Pace, amministratore delegato di Fondo Italiano d’Investimento sgr. «Da parte nostra proseguiremo ad impegnarci per l’impiego ottimale delle risorse che ci verranno affidate in gestione, sempre finalizzate a supportare progetti di crescita sostenibile del nostro sistema delle pmi». (riproduzione riservata)

Fonte: logo_mf