Cassazione nega il risarcimento per lesioni anche se la scala è insicura

Lo ha stabilito l’ordinanza n. 9872 depositata il 15 aprile 2021 dalla sesta sezione civile della cassazione decidendo ancora una volta sulla responsabilità da cose in custodia prevista dall’art. 2051 del codice civile

di MR. OLIVIERO

Il caso

A seguito di una caduta sulle scale del municipio prive di nastri antiscivolo e in parte di corrimano, la danneggiata conveniva in giudizio il Comune per richiedere il risarcimento danni delle lesioni subite rilevando che la scala era «intrinsecamente ed oggettivamente insidiosa e pericolosa, perché non dotata dei requisiti minimi di sicurezza imposti anche dalla legge per la prevenzione di eventi dannosi». Considerando questo assunto sufficiente ad affermare il nesso eziologico tra la cosa in custodia e l’evento dannoso, «a nulla rilevando le precise dinamiche dell’evento». Per affermare i propri diritti contro la decisione della Corte d’Appello che ha riformulato la sentenza di primo grado che aveva accolto la domanda, la lesionata ricorre in Cassazione.

La decisione della Cassazione
CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante
Hai dimenticato la Password?
Registrati

© Riproduzione riservata