I riassicuratori delle Bermuda hanno pagato 19 mld $ per incendi e tifoni in tre anni

Le compagnie di assicurazione e riassicurazione con sede alle Bermuda hanno pagato 19 miliardi di dollari per le perdite causate dagli incendi in California o in Australia e dai tifoni giapponesi negli ultimi tre anni.
Gli incendi in California degli ultimi tre anni e i tifoni giapponesi degli ultimi due sono stati alcuni dei più grandi eventi mai visti in quelle regioni.
Il mercato assicurativo e riassicurativo delle Bermuda ha risposto pagando sinistri pari a quasi un quinto del capitale e dell’eccedenza del settore per sostenere queste regioni del mondo colpite dalla catastrofe.
L’Autorità Monetaria delle Bermuda (BMA) ha aggregato i dati sui sinistri delle compagnie del mercato delle Bermuda, compresi gli assicuratori specialty (SPI) che rappresenterebbero una parte dell’attività dei titoli insurance-linked securities (ILS), sotto forma di obbligazioni catastrofali, riassicurazioni collaterali e sidecar.
Il mercato delle Bermuda ha subito 9,2 miliardi di dollari lordi (5,1 miliardi di dollari netti) negli ultimi tre anni per le perdite da incendio in California e 9,6 miliardi di dollari (5,4 miliardi di dollari netti) negli ultimi due anni per le perdite da tifone in Giappone. Inoltre, il mercato ha pagato altri 255 milioni di dollari per i recenti eventi di perdita a macchia d’olio australiani, una cifra destinata ad aumentare.
Nonostante queste perdite siano rilevanti per le regioni colpite, il mercato assicurativo, riassicurativo e ILS delle Bermuda ha osservato un impatto minimo sul capitale e sui limiti disponibili.
Bermuda