L’intervento del Fondo di garanzia per le vittime della strada non esonera il danneggiato dall’onere della prova

L’intervento del Fondo di garanzia per le vittime della strada, previsto dall’art. 283 d.lgs. 209/2005 e prima dall’art. 19 L. 990/69 al fine di consentire il risarcimento dei danni causati dalla circolazione dei veicoli per i quali vi è obbligo di assicurazione, previsto nei casi di sinistro cagionato da veicolo o natante non identificato non incide sulla regola generale per cui il danneggiato deve provare il fatto generatore del danno.

Ne consegue, dunque, che il danneggiato che promuova richiesta di risarcimento nei confronti del Fondo di garanzia, sul presupposto che il sinistro sia stato cagionato da veicolo non identificato, deve

  • in primo luogo, provare le modalità del sinistro e la riconducibilità dello stesso alla condotta dolosa o colposa (esclusiva o concorrente) del conducente di altro veicolo
  • e, in secondo luogo, provare anche che tale veicolo è rimasto sconosciuto e ciò in quanto la garanzia assicurativa predisposta dalla citata legge intende solo rafforzare la tutela sanzionatoria della responsabilità civile e non assicurare comunque un risarcimento al danneggiato.

Tribunale di Cosenza, sentenza del 29/10/2019 n. 2157

vittime della strada