Quando Ikea entra nel mercato assicurativo: lezioni e prospettive

Il colosso svedese del mobile, Ikea, potrebbe sconvolgere il settore assicurativo – dopo l’annuncio della sua partnership con Swiss Re per il lancio di una propria offerta assicurativa per la casa, “Hemsaker”, che combina le parole svedesi “casa” e “sicuro”.

Ikea è stata a lungo presentata come sostenitrice delle partnership di affinità, in particolare dopo aver provato l’assicurazione contro gli infortuni e la malattia per i bambini e le donne incinte con il prodotto Omifall nel 2014. Ma Hemsaker, che attualmente viene offerta solo a Singapore e in Svizzera, sembra essere un’iniziativa più concertata.

L’obiettivo è quello di fornire un’assicurazione per la casa su misura, che può essere stipulata in modo semplice e veloce, con un vocabolario semplice, da qualsiasi dispositivo digitale, grazie alla combinazione della piattaforma tecnologica avanzata iptiQ di Swiss Re e dell’accesso clienti di Ikea. L’ambizione ufficiale è quella di aiutare gli utenti a migliorare la loro vita quotidiana e ad affrontare nuove preoccupazioni e sfide in termini di sicurezza e privacy.

Se questo annuncio sta prendendo una piega preoccupante, è a causa della portata globale di Ikea, che potrebbe incoraggiare più persone ad acquistare assicurazioni dal marchio di cui si fidano. Tuttavia, quanto può essere probabile che i consumatori aggiungeranno una polizza assicurativa ai loro carrelli della spesa accanto ai cuscini e agli articoli decorativi che tipicamente acquistano da Ikea.

Oltre alla sua reputazione globale, Ikea ha anche il vantaggio di avere una parte importante della catena di fornitura, in termini di parti di ricambio in caso di sinistro, e potrebbe utilizzarla come unica proposta di vendita. Se questa assicurazione si dimostra un buon modo per controllare i costi e il servizio digitale di iptiQ è efficace, gli assicuratori concorrenti potrebbero avere di che temere.

La nuova scelta di posizionamento di Ikea è un’ulteriore prova del passaggio a un’economia ecosistemica in cui i servizi sono raggruppati e fusi tra loro. Non sorprende che questa prima incursione nelle assicurazioni ponga le basi per prodotti assicurativi che possono essere acquistati nello stesso posto di un divano o di un mobile da cucina.
Se da un lato l’economia basata sull’ecosistema rappresenta un’incredibile convenienza per i consumatori, dall’altro potrebbe diventare una vera e propria preoccupazione per gli assicuratori. Inoltre, con l’indebolimento del legame tra assicuratori e assicurati che ne consegue, questo nuovo modello economico potrebbe minare l’esistenza del modello assicurativo così come lo conosciamo oggi.

Allo stato attuale, la natura relativamente passiva e limitata del rapporto che gli assicuratori hanno con i loro clienti li espone alla disintermediazione, alla mercificazione e all’invisibilità. Per garantire la sopravvivenza della loro posizione nel settore, gli assicuratori devono essere più proattivi e offrire più valore stimolando e sviluppando le relazioni con i loro clienti.
La tecnologia è parte della risposta a questa sfida. I player che si affidano all’internet degli oggetti e alla tecnologia mobile avanzata, ad esempio, possono cogliere l’opportunità di creare nuovo valore per i clienti attraverso servizi che possono aiutarli a gestire o prevenire gli incidenti, oltre a proteggerli dalle loro possibili conseguenze.
Facendo leva in modo proattivo sulla tecnologia, gli assicuratori possono garantire di mantenere un ruolo nella vita dei loro clienti, ma devono agire subito, o rischiano di vedere nuove fonti di concorrenza da altri mercati, con notevoli risorse finanziarie e non ostacolati da sistemi obsoleti, invadendo il loro territorio.

Fonte: L’Argus de l’Assurance

Ikea