Bruno Le Maire: “Le assicurazioni devono continuare a sostenere la mobilitazione nazionale”

In un’intervista esclusiva a L’Argus de l’assurance, Bruno le Maire, ministro dell’Economia e delle Finanze francese, invita gli assicuratori ad essere prudenti nel mobilitare le loro risorse per sostenere le imprese. Ma il settore dovrà, secondo le sue capacità, continuare a contribuire allo sforzo nazionale al momento della ripresa.

Ne proponiamo alcuni stralci perché è interessante dare uno sguardo a quanto avviene nei mercati vicini colpiti da una crisi sanitaria ed economica come in Italia.

Gli impegni assunti dagli assicuratori dall’inizio della crisi le sembrano sufficienti e commisurati agli sforzi di solidarietà nazionale?
Fin dall’inizio della crisi, sono stato in contatto diretto con gli assicuratori per definire e valutare con loro gli impegni che potrebbero essere presi per sostenere le compagnie e gli assicurati più colpiti. È essenziale che il settore assicurativo prenda pienamente il suo posto nello sforzo di solidarietà nazionale.
In questo contesto, il 23 marzo l’AMF ha annunciato le prime misure. In particolare, gli assicuratori si sono impegnati a contribuire fino a 200 milioni di euro al fondo di solidarietà creato dal governo, a differire il pagamento degli affitti per le VSE e le PMI la cui attività è stata interrotta dalla crisi, a mantenere le garanzie assicurative per le VSE in difficoltà o in ritardo nei pagamenti.
In seguito a questi annunci, noi, insieme al Primo Ministro, abbiamo voluto che gli assicuratori aumentassero i loro sforzi come parte della nostra mobilitazione collettiva. In risposta a queste richieste, gli assicuratori hanno assunto nuovi impegni. Hanno così aumentato il loro contributo al fondo di solidarietà a 400 milioni di euro. Si sono inoltre impegnati a mettere in atto gesti commerciali per 1,35 miliardi di euro a favore dei loro assicurati, in particolare di quelli più esposti alla crisi, per sostenerli nell’attuale periodo eccezionale.
Gli assicuratori sono anche investitori a lungo termine che svolgono un ruolo centrale nel finanziamento della nostra economia. Per questo motivo ho voluto che mobilitassero le loro capacità d’investimento per sostenere la ripresa dell’economia francese attraverso un programma d’investimento di 1,5 miliardi di euro, in particolare nel settore sanitario.
In totale, gli impegni del settore assicurativo possono quindi essere stimati in circa 3,25 miliardi di euro. Come il Primo Ministro mi ha chiesto di fare, lavorerò a stretto contatto con la Federazione Francese delle Assicurazioni per garantire che questi impegni siano adeguatamente attuati il prima possibile.

Secondo lei, il settore dovrebbe andare ancora più lontano in termini di contributo finanziario?
Diverse iniziative, in particolare dei settori della mutua e della bancassicurazione, hanno dimostrato che alcuni operatori dispongono di risorse sufficienti per contribuire al di là degli impegni assunti collettivamente. Ma dobbiamo essere prudenti: tutti gli impatti della crisi non sono ancora noti e quantificati, quindi non dobbiamo impegnare risorse che potrebbero mettere a repentaglio la situazione finanziaria delle organizzazioni assicurative.

L’Autorité de contrôle prudentiel et de résolution ha inoltre invitato alla cautela nell’assumere eventi che non sono coperti dai contratti e che quindi non sono stati né quantificati né presi in considerazione nei sistemi di gestione del rischio. Il settore assicurativo dovrà quindi, in base alle capacità di ciascun operatore e in funzione dell’evoluzione della situazione, mettersi in gioco per continuare a sostenere la mobilitazione nazionale. Invito tutti gli operatori del settore ad adottare un approccio di sostegno benevolo nei confronti delle imprese e dei nostri concittadini.
Inoltre, come vi ho appena ricordato, gli assicuratori sono investitori a lungo termine, fondamentali per finanziare la ripresa economica. Stiamo lavorando con i team del Dipartimento del Tesoro per garantire che le regole prudenziali non siano più un ostacolo agli investimenti degli assicuratori nelle nostre società. Credo che il settore possa andare oltre in termini di finanziamento delle nostre società, in particolare approfittando degli adeguamenti per l’investimento in azioni che abbiamo già ottenuto nella normativa prudenziale europea.

Alcuni assicuratori hanno ridistribuito i premi a causa dei risparmi sui sinistri automobilistici o domestici. Incoraggia queste iniziative?
Accolgo con favore queste iniziative di solidarietà e ringrazio i responsabili delle organizzazioni interessate: hanno dato prova di responsabilità e di grande interesse generale nel proporre queste ridistribuzioni. Sia chiaro: i francesi non capirebbero che il confinamento permette di ottenere più profitti del solito, quando interi settori si trovano in situazioni finanziarie estremamente complicate. Tuttavia, vorrei sottolineare due cose: in primo luogo, queste iniziative devono ovviamente essere realizzate in condizioni che non mettano a repentaglio la situazione delle compagnie assicurative; in secondo luogo, mi sembra che sarebbero più leggibili e più efficaci se si inserissero in un’azione coordinata del settore. Questo è ciò che li abbiamo incoraggiati a fare, in particolare attraverso la partecipazione al fondo di solidarietà.

Le microimprese e le PMI criticano in particolare gli assicuratori per la mancata copertura dei danni subiti a causa del contenimento. Il settore assicurativo sottolinea che questo impegno rappresenterebbe un costo di 60 miliardi di euro per i premi non riscossi. È necessario andare oltre, come chiedono i proprietari di alberghi e ristoranti, con una copertura minima delle perdite d’esercizio?
Alcuni assicuratori hanno scelto di compiere un gesto commerciale nei confronti dei loro assicurati, cosa che va accolta con favore. Tuttavia, la soluzione non può essere quella di far pagare a posteriori agli assicuratori i rischi non coperti. Se gli assicuratori dovessero sostenere le perdite di esercizio legate alla pandemia, senza la possibilità di avere in precedenza organizzato la copertura finanziaria attraverso i consueti meccanismi di contribuzione, accantonamenti e riassicurazione degli assicurati, ciò danneggerebbe il loro equilibrio economico e rischierebbe quindi di espropriare la comunità degli assicurati che, per di più, hanno legittime pretese nei confronti di queste compagnie di assicurazione per altri rischi.
Per affrontare l’attuale crisi abbiamo bisogno di altri strumenti; questo è lo scopo di tutte le misure di sostegno all’economia e all’occupazione adottate dal governo nelle ultime settimane, in particolare per le piccole e medie imprese e i lavoratori autonomi, che si tratti di prestiti garantiti dallo Stato per il flusso di cassa, di differimenti di carico, di un massiccio dispiegamento di attività parziali, per citare solo alcune misure importanti.
Dobbiamo anche trarre tutte le conclusioni da questa crisi per prepararci al futuro. Questo è l’obiettivo del gruppo di lavoro sulla compensazione dei rischi eccezionali che abbiamo istituito questa settimana.

Fin dall’inizio del confinamento, il settore assicurativo è stato regolarmente oggetto di attacchi e critiche per la loro mancanza di intervento, mentre il settore si trova in difficoltà e deve preservare la propria solvibilità. Non è un obiettivo ideale?
Lei ha ragione a sottolineare che anche il settore assicurativo si trova in difficoltà, che non deve essere ignorato. Alcune attività assicurative subiranno una forte pressione in termini di sinistri: in particolare l’assicurazione crediti, l’assicurazione contro i rischi sociali e l’assicurazione previdenziale. Molti operatori sono specializzati in questi settori e non beneficiano di effetti di diversificazione. La crisi li sta colpendo duramente. Dobbiamo quindi evitare discorsi semplicistici: non tutti gli assicuratori sono in grado di intervenire nelle stesse proporzioni.
A questo proposito, vorrei ricordarvi che la flessione del mercato ha un impatto significativo sulla situazione prudenziale degli assicuratori vita. I nostri assicuratori sono ben capitalizzati e pienamente in grado di affrontare questa crisi. Devono partecipare allo sforzo collettivo, ma dobbiamo anche fare attenzione a non indebolirli: dobbiamo evitare di creare un rischio sistemico.

Durante l’esame del progetto di legge sul bilancio rettificativo, diversi parlamentari, anche nella maggioranza, hanno chiesto di prendere in considerazione un contributo eccezionale e completo da parte del settore assicurativo. Condivide questa proposta?
Ho percepito chiaramente la volontà di alcuni parlamentari di far sì che gli assicuratori contribuiscano a uno sforzo di solidarietà nazionale introducendo misure fiscali eccezionali, come è stato fatto dopo la crisi finanziaria del 2008. Non sono favorevole a questo approccio perché non credo che lo strumento fiscale sia il più adatto alla situazione attuale, per almeno due motivi. La prima è che l’urgenza con cui le somme devono essere mobilitate mi sembra incompatibile con la riscossione di un’imposta che avverrebbe, nella migliore delle ipotesi, a partire dal 2021. Il secondo è che dobbiamo far contribuire le compagnie assicurative che non sono in difficoltà e soprattutto quelle che potrebbero beneficiare di un loss ratio più basso. In Francia ci sono più di 700 compgnie assicurative in situazioni molto diverse.
Una regola generale di contribuzione potrebbe aggravare situazioni particolari già complicate e potrebbe avere effetti collaterali significativi. Prendiamo, ad esempio, la proposta di tassare la riserva di capitalizzazione: una tale tassa mancherebbe il suo obiettivo, poiché solo gli assicuratori vita sono interessati da questa riserva, mentre gli effetti legati a un minore rapporto sinistri/premi in alcuni rami si concentrano sull’assicurazione danni.
Un contributo volontario del settore assicurativo mi sembra molto preferibile alla via fiscale. Gli impegni assunti dovranno essere attuati e, ove possibile, anche amplificati. Ho piena fiducia nel senso di responsabilità e di solidarietà degli assicuratori. Continuerò a mantenere uno stretto dialogo con l’AMF per monitorare l’attuazione del contributo del settore allo sforzo di solidarietà nazionale.

Ha istituito un gruppo di lavoro la cui missione sarà quella di studiare la costruzione di un futuro regime assicurativo in grado di coprire i futuri disastri sanitari, comprese le pandemie. Cosa vi aspettate da questo? Dobbiamo trarre ispirazione dall’attuale regime di calamità naturali?
Questo gruppo di lavoro risponde ad una legittima aspettativa espressa in materia di assicurazioni da parte delle compagnie duramente colpite da questa crisi. Dobbiamo chiarire cosa si può fare e a quali condizioni in termini di copertura assicurativa per i disastri sanitari.
Il sistema di risarcimento per le vittime di catastrofi naturali è un eccellente sistema di cui possiamo essere orgogliosi e che ha dimostrato il suo valore in molte occasioni da quando è stato istituito nel 1982. Tuttavia, il rischio di pandemia è distinto dal rischio di catastrofi naturali e la posta in gioco è molto diversa: il rischio è, per natura, sistemico e globale e quindi pone particolari difficoltà in termini di condivisione del rischio. Nella stragrande maggioranza dei casi, le perdite d’esercizio non sono accompagnate da danni materiali. Si tratta quindi di un argomento particolarmente complesso da trattare. L’obiettivo del gruppo di lavoro che abbiamo istituito sarà quello di individuare tutte le questioni in gioco e di determinare in che misura si possa trovare una soluzione assicurativa che offra un servizio alle aziende ad un costo accettabile sia per l’assicurato che per lo Stato.

Questo regime deve essere costruito a livello francese o con il sostegno dei nostri partner europei?
So che anche altri paesi hanno iniziato a pensare a una copertura assicurativa per questi rischi. Ovviamente rimaniamo attenti alle riflessioni dei nostri vicini e ci scambiamo regolarmente opinioni con loro. Quando sarà il momento, a seconda delle conclusioni del gruppo di lavoro, esamineremo la cooperazione che potrebbe essere intrapresa.

Questa crisi sanitaria ha rivelato che quasi un’azienda su due non era coperta da una garanzia contro le perdite di esercizio. In futuro, prevedete di rendere obbligatoria questa opzione nei futuri contratti di assicurazione danni per i professionisti?
In linea di principio, preferiamo lasciare a tutti la libertà di assicurare o meno i propri beni e/o affari in base alla loro situazione, ai loro desideri e ai loro mezzi. Questo è in particolare il motivo per cui la copertura contro le catastrofi naturali non è un’assicurazione obbligatoria, ma un’estensione obbligatoria dei contratti facoltativi di assicurazione contro i danni. Tuttavia, nel caso in esame, la questione può sorgere in considerazione della necessità di mettere in comune i rischi per la salute. Nessuna strada è quindi esclusa in questa fase. Questa è una delle domande a cui il gruppo di lavoro dovrà rispondere.

assicurazioni