Alle imprese russe fa gola la cyber insurance

Le compagnie di assicurazioni operanti in Russia hanno rilevato un crescente interesse da parte delle aziende per le polizze cyber risk.

Secondo un articolo del quotidiano Izvestija, le imprese ma anche i professionisti russi si stanno rendendo conto che possono essere economicamente insostenibili le conseguenze di una violazione dei dispositivi di sicurezza, di una violazione della privacy con relativa perdita o diffusione non autorizzata di dati di terzi.

Il problema è che al momento solamente Ingosstrakh sottoscrive rischi cyber. È vero che presto dovrebbero arrivare sul mercato anche le soluzioni di AlfaStrakhovanie, Rosgosstrakh e VSK Insurance House, ma al momento i manager russi hanno grosse difficoltà a reperire una copertura adeguata. Il motivo è che in Russia manca un quadro giuridico preciso sul metodo di valutazione delle perdite derivanti dalla violazione dei pc. E in questa falla hanno gioco facile a inserirsi gli hacker se è vero che il numero di attacchi cyber è cresciuto del 15% tra gennaio e marzo. I bersagli preferiti in questo tempo di telelavoro? I dipendenti di agenzie governative, società industriali, settore finanziario, sanità e scienza.

cyber