RASSEGNA STAMPA ASSICURATIVA 26/04/2019

logo_mf

Auf Wiedersehen super-banca tedesca. Con una nota i board di Deutsche e Commerzbank ieri hanno annunciato l’interruzione delle trattative per la fusione. «Era giusto valutare questa opzione di consolidamento domestico in Germania», ha scritto il ceo di Deutsche, Christian Sewing, «ma questa operazione non avrebbe creato benefici sufficienti a compensare gli aggiuntivi rischi di esecuzione, costi di ristrutturazione e requisiti di capitale associati a un’integrazione di così larga scala». Fallisce così il progetto di creare un nazionale tedesco del credito in grado di supportare la grande industria tedesca. Un sogno a lungo coltivato dal ministro delle Finanze, il socialdemocratico Olaf Scholz, e dal suo vice, l’ex Goldman Sachs Joerg Kukies.

Rimborsi ai risparmiatori truffati in eredità. Alla procedura di ristoro per i risparmiatori «truffati» da banche sottoposte a procedura di liquidazione, sono ammessi anche i successori mortis causa, cioè gli eredi dei risparmiatori e i loro familiari.
La novità è contenuta nel decreto crescita approvato dal consiglio dei ministri il 23 aprile. La relazione di accompagnamento al decreto, dunque, elenca chi debba essere ricompreso tra i familiari: oltre il coniuge, il soggetto legato da unione civile, il convivente more uxorio o di fatto, i parenti entro il secondo grado che siano in possesso di strumenti finanziari delle banche a seguito di trasferimento per atto tra vivi.

Repubblica_logo

  • Pensioni di cittadinanza troppi vincoli alle domande così ne arrivano solo 133 mila
Solo il 14% delle domande per il reddito di cittadinanza proviene da famiglie di over 67. Questo significa – stando ai dati Inps del 24 aprile – che su 947 mila richieste di sussidio, quelle per la pensione di cittadinanza sono appena 133.252. E se la percentuale di rifiuti verrà confermata – 25%, un quarto – di queste solo 100 mila saranno accolte. Siamo dunque ben lontani dalle promesse elettorali e di inizio governo. Quando i due vicepremier Salvini e Di Maio ripetevano che avrebbero alzato « le pensioni minime e di invalidità, perché è un’indecenza » ai mitici 780 euro. Non poteva essere così, visto che parliamo di oltre 6 milioni di pensioni sotto quella soglia. E infatti non è così: al massimo solo il 2% degli assegni sarà rimpolpato.

  • Salta Deutsche-Commerzbank: «Costi superiori ai benefici»
Saltato il matrimonio forzato, Deutsche bank e Commerzbank sono tornate ieri nella condizione di separate in casa dove però gli spazi su depositi e prestiti alla clientela locale sono stretti e l’habitat ostile dovuto al rallentamento economico. E con la prospettiva che i tassi guida, già negativi da anni potrebbero calare ancora, risicando ancor più margini già ridotti all’osso in uno dei mercati bancari più competitivi e costosi in Europa, quello tedesco. Come magra consolazione resta il corteggiamento di potenziali partner o acquirenti stranieri: Unicredit,Ing, Ubs, Allianz sono i nomi più gettonati e che sembrano essersi fatti in qualche modo avanti, e non tarderanno ad arrivarne altri, perché il risiko europeo deve ancora iniziare e c’è quello sempreverde globale.

La Banque Postale intensifica i preparativi di nozze con CNP Assurances. Le compagnie hanno riunito i comitati per informare sulle modalità, anche se le condizioni della creazione del polo finanziario pubblico fa ancora discutere gli azionisti della Posta francese. L’Agence des participations de l’Etat (APE) e la CDC discutono in particolare la futura governance e la sua valorizzazione.