Effetti dei farmaci, produttori immuni

di Vittorio Provera, Trifirò & Partners Avvocati

Esonero di responsabilità per gli effetti collaterali di un farmaco. La Cassazione con pronuncia n. 6587 del 7/3/19 ha escluso la responsabilità di produttore e distributore di un farmaco, per i danni subiti da un consumatore a causa di effetti collaterali per assunzione di un medicinale. Il caso nasce da una azione per danni di un paziente che, a seguito di una ferita, assumeva un antibiotico prescritto dal medico, con intossicazione e conseguenze permanenti.

Avanti al Tribunale di Bergamo la consulenza medica aveva accertato un nesso causale tra l’assunzione del farmaco e la comparsa della patologia, considerata complicanza nota ma non prevedibile, né prevenibile. Le convenute avevano negato l’esistenza di responsabilità, poiché le Commissioni competenti avevano confermato l’utilità del farmaco, pur con possibilità remota dell’effetto collaterale lamentato (uno su un milione di casi). Con sentenza del 23/11/2013 veniva così respinta la domanda motivando che – pur in presenza di attività pericolosa ex art. 2050 c.c. – era stata fornita la prova liberatoria, trattandosi di remoti effetti indesiderati noti, la cui possibilità di insorgenza non impediva la distribuzione del prodotto. L’obbligo di una adeguata informativa era stato assolto con l’uso del foglio illustrativo (c.d. bugiardino). Di altro avviso la Corte di Appello Brescia che, sempre richiamando l’art. 2050 c.c., ha ritenuto che incombe comunque all’esercente il rischio di verificare gli effetti dannosi – predisponendo gli strumenti di esclusione dell’evento – nonché l’onere risarcitorio dell’eventuale patologia; non costituendo la segnalazione nel «bugiardino» esimente di responsabilità. Presentato ricorso in Cassazione, la Corte ha accolto il ricorso, segnalando però la necessità di «una costante opera di monitoraggio e di adeguamento delle informazioni commerciali e terapeutiche, allo stato di avanzamento della ricerca», così da ridurre il rischio di effetti collaterali e rendere edotti i consumatori in modo completo dei potenziali rischi; azioni poste in essere nella specie.

Fonte: