Nel 2016 al 30% gli incarichi femminili negli organi di amministrazione e controllo delle società quotate

In pochi anni le donne sono arrivate a ricoprire il 30% degli incarichi negli organi di amministrazione e controllo delle società quotate in borsa: un balzo in avanti notevole, dovuto all’intervento normativo. Tuttavia si tratta in grande maggioranza di figure non esecutive. Ancora rarissime le presidenti e le amministratrici delegate. 

In pochi anni si passa da una presenza residuale nei board a una decisamente più notevole. Solo nel 2008 le poltrone occupate da donne negli organi di amministrazione e controllo delle società quotate erano 170, il 5,9% del totale. In 8 anni gli incarichi femminili sono lievitati a 687, con un peso sul totale del 30,3%. Un balzo in avanti notevole e in tempi tutto sommato ristretti. Dovuto però a un preciso intervento normativo: la legge 120/2011, che per smuovere una situazione da sempre fortemente sbilanciata a sfavore delle donne ha introdotto obblighi precisi per le società quotate.

Da allora l’aumento delle presenze femminili è stata costante. Tuttavia a crescere sono per lo più i ruoli non esecutivi, cioè di controllo sul management dell’azienda. Nel 68,56% dei casi si tratta di amministratrici indipendenti: figure non legate ai dirigenti esecutivi o agli azionisti, chiamate a vigilare nel solo interesse della società. Man mano che si sale al vertice le donne diminuiscono: appena il 3% delle figure femminili è presidente o presidente onorario, solo il 2,47% è amministratrice delegata. Cioè in termini assoluti le donne ceo sono solo 17 in tutto e sono alla guida di aziende a bassa capitalizzazione e che in tutto raccolgono l’1,7% del valore di mercato di tutte le aziende esaminate dalla Consob.

Fonte: Openpolis