La Suprema Corte di Cassazione ci insegna la distinzione tra contratto autonomo di garanzia e fideiussione

La c.d. polizza fideiussoria è un negozio che, sotto il profilo genetico, si distingue dalle convenzioni fideiussorie sia perché necessariamente oneroso, mentre la fideiussione può essere anche a titolo gratuito, sia perché stipulato non tra il fideiussore e il creditore, ma, di regola, dall’appaltatore (debitore principale) su richiesta ed in favore del committente beneficiario (creditore principale).

 

A cura di Sonia Lazzini

 

La fondamentale distinzione tra l’uno e l’altro contratto sta nel fatto che il contratto autonomo di garanzia è privo del carattere dell’accessorietà, sicché viene di norma esclusa la facoltà del garante di opporre al creditore le eccezioni che spettano al debitore principale, regola che è invece essenziale nella fideiussione ai sensi dell’art. 1945 c.c. (v., oltre quelle sopra citate, anche le sentenze 14 febbraio 2007, n. 3257, 13 maggio 2008, n. 11890).

 

In questo quadro giurisprudenziale si è poi inserita la sentenza delle Sezioni Unite 18 febbraio 2010, n. 3947, che nella complessa ed articolata pronuncia ha avuto occasione di ribadirne i punti….

 

Per saperne di più:
https://appaltieassicurazioni.it/la-suprema-corte-cassazione-ci-insegna-la-distinzione-contratto-autonomo-garanzia-fideiussione/