Willis Re: rinnovi di aprile, prezzi giù ma cresce la domanda di prodotti riassicurativi

Secondo un report di Willis Re, intitolato “Willis Re 1st View: Will demand growth ease the pain?”, ai rinnovi dei trattati di riassicurazione del 1 aprile è apparsa una situazione di continuazione delle deboli condizioni di mercato, ma ci sono segni incoraggianti che i tagli sui prezzi stiano rallentando e la domanda di prodotti riassicurativi aumentando.

Per il quarto anno consecutivo, i compratori di prodotti riassicurativi sono riusciti a risparmiare sul prezzo dei premi e ottenere termini e condizioni più flessibili.

Il report ha affermato, infatti, che il pricing del settore property catastrophe in Giappone sia diminuito del 12,5%, mentre in India del 10% e in Corea del 20%.

Nel complesso, le riduzioni dei prezzi ai rinnovi del 1 aprile “sono state marginalmente inferiori rispetto a quelle raggiunte nei 12 mesi precedenti,” ha affermato Willis Re. “Molti fattori hanno avuto un impatto, a partire dall’aumento dei massimali acquistati e da un modesto livello di danni subiti.”

Il report ha affermato, inoltre, che molte compagnie di riassicurazione sono arrivate al punto “in cui non sono più preparate per garantire future concessioni, a prescindere dal tipo di rapporto con il cliente.”

L’altra notizia positiva per le imprese di riassicurazione è l’aumento della domanda per quanto riguarda i loro prodotti. “Come abbiamo già osservato ai rinnovi di gennaio, alcune tra le maggiori compagnie assicurative, che negli ultimi anni stavano proponendo delle strategie per trattenere più rischi nei loro portafogli, ora stanno cercando di invertire il loro modo di pensare,” ha affermato il report di Willis Re. Queste compagnie stanno aumentando la cessione dei rischi alle imprese di riassicurazione, “tramite sia strutture di condivisione del rischio tradizionali che trasferimenti dei portafogli di perdite e di adverse development cover,” ha continuato il report.

“Le ragioni alla base dell’inversione delle strategie di acquisto dei prodotti riassicurativi dipendono da ogni compagnia assicurativa. Sicuramente due fattori chiave sono stati da una parte la maggiore regolamentazione, che ha promosso una prospettiva più “olistica” sia dei rischi che degli utili, dall’altra le pressioni da parte degli azionisti per migliorare i ritorni riducendo i capitale investito” ha commentato John Cavanagh, Global Chief Executive Officer di Willis Re, nell’introduzione al report.

“Fondamentalmente, i compratori stanno ancora raccogliendo i frutti maturati in simili condizioni competitive e le compagnie di riassicurazione avranno bisogno di un altro anno caratterizzato da danni al di sotto della media per generare risultati accettabili che possano controbilanciare questo duro 2016. L’apparente aumento della domanda è certamente un segno positivo,” ha continuato.

Il report sottolinea che al momento è prematuro affermare che il mercato si stia avviando verso una fine del declino del pricing o delle condizioni attuali; tuttavia certi mercati stanno registrando certamente un rallentamento del crollo dei prezzi.

“Nel mercato continua a persistere una situazione di squilibrio a livello dell’offerta di capitale, mentre in ambito riassicurativo un aumento della domanda si associa a risultati altamente soddisfacenti,” ha affermato Cavanagh.

La maggior parte delle compagnie di riassicurazione ha riportato risultati accettabili per quanto riguarda il 2015, nonostante il contesto di bassi tassi d’interesse e le difficoltà nel raggiungere una crescita top line.

Secondo il report, questi risultati positivi sono stati stimolati sia dal basso livello di danni causati dalle catastrofi naturali che dal rilascio di riserve degli anni precedenti.

In un comunicato stampa che accompagna il report, Willis Re si è servita delle statistiche di Swiss Re, che ha riportato che “nel 2015 i danni assicurati causati dalle catastrofi naturali e dai disastri di natura umana a livello globale avevano raggiunto quota 37 miliardi di dollari, molto al di sotto della media di 62 miliardi degli ultimi 10 anni.”

Se alcune compagnie di riassicurazione sono riuscite ad ottenere una crescita top line, è stato grazie alla decisione presa in passato di inserirsi nel mercato dell’assicurazione specialty.

“Finora i risultati della maggior parte dei portafogli assicurativi specialty delle compagnie di riassicurazione sono stati soddisfacenti, anche se alcune hanno iniziato a riportare difficoltà in alcune linee specifiche,” ha continuato il report.