Utili in calo nel 2015 per HDI Assicurazioni

HDI Assicurazioni ha chiuso il Bilancio dell’esercizio 2015 con un risultato netto di 16,44 milioni di Euro, in diminuzione di 11,54 milioni di Euro rispetto risultato ai 27,98 milioni di Euro del 2014.

Il risultato ante imposte è pari a 30,20 milioni di Euro ed evidenzia complessivamente una diminuzione di 13,58 milioni di Euro rispetto ai 43,77 milioni di Euro del 2014. A fronte della diminuzione del risultato ante imposte, che in termini percentuali è pari a -31%, l’utile netto registra rispetto all’esercizio precedente una diminuzione più che proporzionale (-41,2%); tale fenomeno è dovuto ai maggiori oneri per adeguamento delle imposte differite attive, il cui valore iscritto nell’attivo dello stato patrimoniale è stato ridotto di 3,79 milioni al fine di tener conto della diminuzione di 3,5 punti percentuali dell’aliquota IRES (dal 27,5% al 24,0%) con effetto 1° gennaio 2017, decisa con la Legge n. 208 del 28/12/2015 (legge di stabilità 2016).

 

Nel 2015 il ROE si attesta al +8,2% (+6,9% nei rami vita e +9,8% nei rami danni), contro un ROE del +15,8% registrato nel 2014 (+14,3% nei rami vita e +17,9% nei rami danni).

Il patrimonio netto al 31 dicembre 2015 ammonta a 217,71 milioni di Euro, di cui 121,79 milioni di Euro vita e 95,92 milioni di Euro danni, e rispetto al patrimonio netto al 31 dicembre 2014, che era pari a 204,57 milioni di Euro, di cui 113,90 milioni di Euro vita e 90,67 milioni di Euro danni, si incrementa di 13,14 milioni. Tale variazione è dovuta all’incremento conseguente alla registrazione dell’utile 2015, pari a 16,44 milioni, al versamento in conto capitale afferente ai dami danni effettuato dall’azionista Talanx International AG nel mese di dicembre 2015, pari a 5 milioni e, in diminuzione, alla distribuzione all’azionista dei dividendi erogati dai rami danni per 8,30 milioni.

La raccolta premi del lavoro diretto si attesta a 882,99 milioni di Euro, con un decremento del -10,6% rispetto al precedente esercizio, che aveva registrato una raccolta premi di 987,18 milioni di Euro.

I premi emessi danni, pari a 352,75 milioni di Euro, aumentano del 3,5% rispetto ai 340,73 milioni di Euro del precedente esercizio, mentre i premi emessi vita, pari a 530,24 milioni di Euro, registrano un decremento del -18,0% rispetto ai 646,45 milioni di Euro del 2014. La composizione percentuale evidenzia conseguentemente una crescita dei rami danni rispetto al totale dal 34,5% del 2014 al 40,1% del 2015, mentre i rami vita decrescono dal 65,5% al 59,9%.

L’andamento tecnico dei rami danni – lavoro diretto – presenta risultati positivi e in miglioramento rispetto all’esercizio precedente, con riferimento al combined ratio che diminuisce dal 97,55% del 2014 al 97,18% del 2015. Il rapporto sinistri a premi dell’esercizio si incrementa di 1,07 punti percentuali, passando dal 72,23% al 73,30%, mentre il rapporto sinistri a premi totale diminuisce di 0,28 punti, passando dal 70,37% al 70,09%. Il cost ratio registra una lieve diminuzione passando dal 27,18% al 27,09%.

Gli investimenti, escludendo quelli a beneficio di assicurati dei rami vita che ne sopportano il rischio e derivanti dalla gestione dei fondi pensione, ammontano a 3.053,93 milioni di Euro e crescono di 394,29 milioni di Euro (+14,8%) rispetto ai 2.659,64 milioni di Euro del 2014.

Le riserve tecniche ammontano complessivamente a 3.243,01 milioni di Euro e, rispetto ai 2.808,38 milioni di Euro del 2014, crescono di 434,63 milioni di Euro.

Il numero dei punti vendita passa da 531 al 31 dicembre 2014 a 505 al 31 dicembre 2015. Alla stessa data, i dipendenti della Società sono 367 (351 nel 2014).