Il rimborso delle spese legali sostenute da amministratori locali

P.A.

Nell’ambito di procedimenti giudiziali penali, instaurati
per fatti connessi all’esercizio delle proprie funzioni
e definiti con sentenza di assoluzione

Autore: Samuele Marinello
ASSINEWS 263: aprile 2015

Quesiti
• È legittima, e a quali condizioni, l’assunzione, a carico del bilancio delle amministrazioni, delle spese processuali relative a giudizi penali promossi nei confronti di amministratori locali, che si siano conclusi con sentenza di assoluzione?
• Il rimborso deve ricomprendere tutte le spese legali sopportate dagli amministratori relativamente a tutti gli eventuali gradi di giudizio in cui lo stesso si articoli, ancorché nei gradi, o in alcuni di essi, precedenti alla sentenza di definitiva assoluzione i medesimi amministratori siano stati ritenuti colpevoli dei reati loro ascritti e conseguentemente condannati? Oppure è ritenuto lecito il rimborso delle spese legali relative ai soli gradi di giudizio in cui gli amministratori abbiano conseguito una sentenza piena di assoluzione?
• È legittimo il rimborso, e a quali condizioni, anche in caso di mancata sottoposizione della scelta del legale incaricato della difesa in giudizio al previo assenso dell’amministrazione?CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati