Solvency II: pronte le modifiche e integrazioni ai regolamenti Ivass 20/2008 e36/2011 per l’attuazione delle linee guida Eiopa

Si è conclusa la procedura di pubblica consultazione relativa alle modifiche del – Regolamento ISVAP n. 20/2008 in materia di controlli interni, gestione dei rischi ed esternalizzazione, ai sensi degli articoli 87 e 191, comma 1, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 e del Regolamento recante aggiornamenti al vigente Regolamento ISVAP n. 36/2011 in materia di investimenti e attivi a copertura delle riserve tecniche.

La pubblica consultazione ha anche riguardato la lettera al mercato introduttiva degli orientamenti EIOPA sul sistema di governance, sulla valutazione prospettica dei rischi, sulla trasmissione di informazioni alle Autorità nazionali competenti (di seguito “reporting”) e sulla procedura preliminare dei modelli interni (di seguito “pre-application”)al fine del calcolo dei requisiti di capitale.

In allegato gli esiti della consultazione,  il testo del Provvedimento IVASS n. 17 del 15 aprile 2014 recante le modifiche e le integrazioni ai Regolamenti Isvap n. 20/2008 e n. 36/2011, integrati anche con le

modifiche conseguenti alle osservazioni formulate, laddove condivise;  il nuovo testo ed allegati del Regolamento ISVAP n. 36 del 13 luglio 2013 come modificato dal Provvedimento IVASS n. 17 del 15 aprile 2014; il testo della lettera al mercato, integrata con le modifiche conseguenti alle osservazioni formulate, qualora condivise.

 Il testo della lettera al mercato, come rivisto a seguito della pubblica consultazione, tiene conto anche di una determinazione EIOPA in merito all’utilizzo delle Long Term Guarantees Measures (di seguito, LTG Measures) nella fase di preparazione a Solvency II, in particolare per la valutazione prospettica dei rischi (cd FLAOR) e per la trasmissione di informazioni alle Autorità (cd. reporting). In base a tale determinazione, l’impresa potrà considerare nei propri calcoli l’utilizzo delle LTG Measures ma, qualora vi abbia fatto ricorso, dovrà fornire informativa sull’impatto del loro utilizzo sulla propria situazione finanziaria, in termini di riserve tecniche, requisiti di capitale e mezzi propri.