IMD 2 il punto sulla direttiva europea

Intermediazione

Colloquio con Alessandro de Besi e Jean-François Mossino

Autore: Gigi Giudice
ASSINEWS 241: aprile 2013

Sulla IMD 2, la proposta di direttiva europea che entrerà prossimamente (si dice comunque non prima del 2016) in vigore e che conterrà norme che vanno a incidere sull’intermediazione assicurativa, si sono già versati più dei classici fiumi di inchiostro.
Essendo l’Europa una realtà composita da Paesi che, notoriamente, hanno culture, storie, tradizioni legislazioni e usi diversi risulta sempre abbastanza complicato riuscire a produrre regolamenti su cui si registrino adesioni immediate e concordi.
Le trattative, la produzione di documenti, gli incontri fra le diverse rappresentanze di fronte al legislatore europeo sono eufemisticamente estenuanti.
Al punto che sulla IMD 2, che è in discussione dal luglio scorso in sede di Parlamento Europeo, solamente chi è nelle condizioni di seguirne passo passo il procedere, attraverso canali di comunicazione con le Commissioni preposte, può interpretare e trasferire le informazioni utili a capire veramente a che punto siamo. E quali sono gli orientamenti. CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati