Il broker non costituisce un costo aggiuntivo per l’assicurando

Giurisprudenza

Autore: Samuele Marinello
ASSINEWS 241: aprile 2013

La Corte dei Conti, sezione giurisdizionale per la Regione Siciliana, con sentenza n. 439 del 30 gennaio 2013 ha affrontato in modo molto approfondito l’interessante tematica del brokeraggio assicurativo, anche in considerazione dei recenti interventi in materia elaborati dall’A.V.C.P.; quest’ultima Autorità, infatti, a sèguito dei pareri resi dalle associazioni di categoria nonché dagli operatori di settore, ha preso atto che, come meglio enunciato anche da recente giurisprudenza (Corte conti Sezione Prima Appello n. 179/2008), per usi ormai consolidati di mercato, le imprese di assicurazione prevedono comunque, nel premio proposto, una commissione per l’intermediazione volta a remunerare il proprio agente, premio da cui attingere la commissione per l’eventuale broker; in sostanza, la stazione appaltante pagherebbe lo stesso ammontare di premio indipendentemente dalla presenza di un broker. CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati