Compensazione tra partite

IL VOSTRO QUESITO

Qualora, al momento del sinistro, la somma assicurata alla singola partita dovesse risultare maggiore del valore delle cose assicurate, determinato secondo i criteri di cui all’art. “Valore delle cose assicurate e determinazione del danno”, la somma assicurata in eccedenza viene ripartita tra quelle partite, con tasso uguale o inferiore, per le quali la somma assicurata risulti insufficiente ai sensi degli Artt. “Assicurazione parziale” e 1907 del Codice Civile.
Resta altresì convenuto che:

– detta ripartizione ha luogo in ugual misura per tutte le partite con insufficienza di assicurazione colpite o non dal sinistro;
– la compensazione non ha luogo per le partite assicurate in deroga agli Artt. “Assicurazione parziale” e 1907 del Codice Civile o per le quali l’assicurazione sia prevista in forma fluttuante;

– la compensazione può avere luogo solo tra partite riguardanti cose assicurate nella stessa ubicazione.

e precisamente:

l’eccedenza riscontrata in una partita, a fronte di altra con insufficienza, la utilizzo come aumento di capitale della partita stessa, oppure vale solo come applicazione della regola proporzionale?

ipotesi:
fabbricato assicurato per € 100.000,00

merce assicurata per € 100.000,00

se il fabbricato è sovraassicurato per euro 50.000,00 mentre le merci risultavano al momento del sinistro per un valore di euro 150.000,00 posso compensare l’eccedenza ed avere una liquidazione della partita merci fino a 150.000,00?

L’ESPERTO RISPONDE

Gli esperti di ASSINEWS rispondono via mail ai vostri quesiti su tutti i rami assicurativi, normativa e compliance! Scopri il servizio "Esperto Risponde"

Accedi alla pagina "Il tuo abbonamento" per informazioni sui servizi inclusi nel tuo piano
Hai dimenticato la Password?
Registrati