Salvati, Fondazione ANIA: “la violazione delle regole è la prima causa delle tragedie stradali”

«Ogni due ore sulle strade italiane muore una persona. Nel solo 2009 a causa degli incidenti stradali  ci sono stati 4.237 morti,  1.200 dei quali  sotto i 30 anni, un milione di feriti e 20mila paraplegici.  Statisticamente l’80% dei sinistri è  dovuto a errati comportamenti umani e soprattutto a unmancato rispetto delle regole al volante.  Grazie alle recenti modifiche al codice della  strada, l’apparato normativo prevede sanzioni pesanti per chi causa incidenti commettendo infrazioni gravi. I controlli, però,non sono ancora sufficienti e, soprattutto, manca la certezza della pena.  Si tratta di una situazione insostenibile che non  possiamo più tollerare. E’ tempo che si arrivi alla modifica del Codice Penale introducendo una fattispecie normativa che regoli il reato stradale, soprattutto quando si causano morti o feriti gravi».

Con queste parole Sandro Salvati, Presidente della Fondazione ANIA è intervenuto al Convegno “Gli italiani e la cultura delle regole” che si è tenuto il 7 aprile scorso al Parlamentino del CNEL a Roma.

Nel corso della mattinata, aperta dal saluto dal Presidente del  CNEL Antonio Marzano e del Ministro dell’Interno Roberto Maroni e conclusa dall’intervento del Presidente dell’ANIA, Fabio Cerchiai, si è discusso del rifiuto delle regole da parte degli italiani, in particolare di quelle stradali, il cui rispetto è inteso come fattore di civiltà.

Momento centrale del convegno  è stata la presentazione dell’indagine ISPO,  “Gli italiani e il rispetto delle regole”,  promossa dalla Fondazione ANIA  per approfondire il grado di osservanza delle norme. E’ emerso che il 91% degli italiani condanna la violazione delle principali regole di convivenza civile, comprese quelle stradali. Ai primi posti figurano le truffe verso il prossimo e lo Stato. Le violazioni al codice della strada sono solo al quinto posto (91,3% degli intervistati).

«E’ deprimente constatare che  nella considerazione degli italiani  il rispetto delle regole della strada arrivi solo al  quinto posto,  – commenta il Presidente Salvati  – dopo comportamenti sicuramente deplorevoli, ma che non  mettono a repentaglio la vita delle persone.  Eppure sulle strade del nostro Paese nel 2009 si sono registrati un morto e 70 feriti ogni due ore. Tutto questo deve farci riflettere, dobbiamo ricordarci che quando siamo al volante ci sono delle regole che vanno rispettate. Condotte di guida scorrette e sconsiderate causano alcuni tra i più gravi delitti stradali. E’ giusto che, in taluni casi, si configuri l’ipotesi di dolo eventuale, per la gravità sociale, umana ed etica degli incidenti stradali. Il legislatore dovrebbe prendere atto  che l’84% degli italiani, e in misura forte i giovani, si è dichiarato favorevole all’introduzione del “reato stradale” e, quindi, agire di conseguenza».

Nonostante gli italiani condannino la violazione delle regole, il  58% ritiene che quando si è  al volante non venga rispettato il codice della strada. La violazione delle norme è di fatto molto diffusa, oltre il  70% degli automobilisti dichiara di infrangere le regole,  pur essendo consapevole (lo ha dichiarato oltre l’80% degli intervistati) dei rischi e delle conseguenze sociali ed economiche degli incidenti stradali. Le infrazioni considerate più gravi sono quelle che possono recare danno agli altri, in particolare guidare in stato psico-fisico alterato (76%), passare con il semaforo rosso (60%) e superare i limiti di velocità (52%).

Deve far riflettere che, paradossalmente, il  74% degli italiani  dichiara di  rispettare con più attenzione le regole della strada quando si trova  all’estero. Questo comportamento è ancor  più accentuato tra i giovanissimi dai 18 ai 24 anni (77,2%) e per gli intervistati compresi tra i 45 e i 54 anni  (78%). A livello complessivo, le donne condannano  le infrazioni al codice della strada  in maniera più netta rispetto agli uomini: mentre tra i maschi la percentuale si ferma all’88%, sono il 95% le  femmine che non accettano la mancanza di rispetto delle regole al volante. Il Sud ha la percentuale più alta, come ripartizione geografica, tra quanti ammettono di fare più attenzione alle regole della strada quando si trovano in altri Paesi: il 76,6% contro il 70% del Centro e il 73% del Nord.

L’infrazione del codice stradale, infine, viene spiegata in modo simile da automobilisti e non. In primo luogo c’è una sottovalutazione del rischio (91%),  seguita dalla tendenza a considerare i controlli scarsi ed inefficaci  (72%) e  dalla percezione che  le sanzioni previste  non  sono così pesanti da far paura e, soprattutto, non vengono applicate (70%). Significativo che oltre un terzo degli italiani (35% del campione) ritiene che le violazioni siano dovute anche alla poca chiarezza del codice della strada.