Il mercato assicurativo sanitario tedesco un modello da seguire?

Mercati

Autore: Fausto Panzeri
ASSINEWS 219 – aprile 2011

Benessere per tutti e giustizia sociale: questo era l’obiettivo che si prefiggeva alla fine degli anni cinquanta l’allora ministro dell’economia tedesco Ludwig Erhard. Il «modello Germania» divenne un esempio per molti paesi.
Ma la vera “rivoluzione”, soprattutto per lo sviluppo delle assicurazioni malattia private è del 2007, quando venne emanata la riforma sanitaria basata sul fondo salute in cui dal 2009 confluiscono tutti i contributi per l’assicurazione sanitaria obbligatoria versati da lavoratori e datori di lavoro. In seguito a questa riforma dal 1° gennaio 2009 è diventato obbligatorio per chi risiede in Germania il possesso di un’assicurazione sanitaria, pubblica o privata. È obbligatorio inoltre per i lavoratori dipendenti il versamento di una quota per l’assicurazione contro la perdita di autosufficienza (long term care).CONTENUTO A PAGAMENTO
Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILE Non sei abbonato?
Scopri i piani di abbonamento
Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati