L’esposizione del settore assicurativo in Ucraina

Il settore assicurativo sta valutando i costi dell’invasione russa dell’Ucraina.

Secondo molti analisti, il settore assicurativo è esposto in una serie di aree, tra cui l’assicurazione del rischio politico (PRI), la guerra aerea, il credito commerciale e il carico/guerra marittima. Resta inteso che anche i mercati dell’assicurazione del credito e dell’energia saranno messi a dura prova.

Gli analisti di Peel Hunt – secondo quanto riporta Reinsurance News – hanno scritto a proposito dei PRI: “Ciò include i reclami relativi a espropriazioni, guerre, embarghi e chiusure di frontiere dovute a interventi governativi. Abbiamo stimato che il limite totale assicurato per l’assicurazione PRI in Ucraina e Russia è di circa 2,0 miliardi di dollari (una stima molto approssimativa). Quindi, mentre l’esposizione sembra gestibile, anche una quota a una cifra sarebbe una perdita considerevole per il mercato”.

Visti gli eventi di questa settimana e le linee su cui il conflitto può avere un impatto, gli stessi analisti hanno scritto: “Dato che i mercati hanno avuto un certo preavviso in questo conflitto, gli assicuratori hanno avuto il tempo di esaminare le loro esposizioni e di metterle in guardia o di far scattare eventuali esclusioni di guerra”.

I Lloyd’s hanno una bassa esposizione, circa il 15%, all’Europa. L’esposizione all’Europa orientale, ha detto la società, sarà molto probabilmente “modesta”.

I riflessi dell’invasione dell’Ucraina sul mercato dell’energia

Gli analisti hanno aggiunto: “Il mercato dell’energia sarà probabilmente perturbato se questo conflitto dovesse trascinarsi per un certo numero di mesi. Il prezzo del petrolio era già salito prima di questo conflitto e il Brent è ora sopra i 100 dollari al barile. Il nostro team Oil & Gas riferisce che la capacità di produzione è bassa a causa del sottoinvestimento nelle infrastrutture per un certo numero di anni”.

Russell Group ha sottolineato l’impatto dell’invasione sulle compagnie aeree

Un’analisi di quell’azienda ha detto che le compagnie aeree low cost sarebbero state più colpite dei vettori più grandi. “Nel frattempo”, ha detto la società, “alcuni vettori (ri)assicurativi, come i mercati dei capitali, sono vulnerabili a ciò che il ministero delle infrastrutture del governo ucraino descrive come il “campo delle informazioni”. Hanno aggiunto: “Questa differenziazione nell’esposizione alla crisi ucraina può alleviare le preoccupazioni dei (ri)assicuratori dell’aviazione che stanno cercando di risolvere la loro esposizione all’Ucraina. La copertura assicurativa è già stata ritirata dall’Ucraina e le compagnie aeree stanno evitando attivamente il paese. Gli operatori ucraini stanno affrontando l’interruzione delle operazioni per la perdita della copertura assicurativa a causa del potenziale rischio di conflitto armato nella regione. L’operatore economico SkyUp ha smesso di vendere i biglietti per i voli dal 14 al 16 febbraio perché i locatori di aerei stanno ‘chiedendo la restituzione’ degli aerei all’Unione europea”.

In risposta, il ministero delle infrastrutture dell’Ucraina avrebbe anche annunciato un fondo di 590 milioni di dollari per assicurare gli aerei che volano attraverso lo spazio aereo del paese, tra i rapporti che gli assicuratori globali stavano sospendendo la copertura a causa della minaccia di un attacco russo su larga scala.

Anna Tsirat, apparentemente un avvocato di Jurvneshservice, con sede nella capitale ucraina di Kiev, ha pubblicato aggiornamenti su LinkedIn sul deterioramento della situazione. Ha scritto che molti riassicuratori hanno presentato notifiche di 48 ore sulla cancellazione dell’assicurazione contro i rischi di guerra per l’Ucraina, a partire dall’11 febbraio.

È per questo che il Ministero delle Infrastrutture ucraino ha annunciato il suo fondo per assicurare gli aerei, anche se ha citato una cifra leggermente diversa da quella di cui sopra.

Il rischio cyber

Il cyber sarà un’area del settore assicurativo che sarà sotto esame, poiché si pensa che una guerra cibernetica stia avendo luogo insieme all’invasione di terra. L’assicuratore australiano Honan ha detto che molte polizze cyber contengono le stesse esclusioni intorno agli atti di guerra che esistono in altre polizze assicurative, anche se gli assicuratori non le applicano agli attacchi da “attori di minacce” d’oltremare.

Ucraina