Swiss Re e Hannover Re mettono in guardia su rischio di sinistri e controversie COVID-19

Due delle più grandi società di riassicurazione del mondo stanno mettendo in guardia sul fatto che, mentre le perdite immediate causate dalla pandemia globale del COVID-19 possono essere in gran parte riservate, entrambe si aspettano che una coda più lunga di esposizione si sviluppi nel tempo.

C’è grande incertezza sul potenziale della pandemia COVID-19 di provocare perdite nei rami assicurativi e riassicurativi a coda più lunga, in particolare nei rami casualty e responsabilità civile.

Sia Swiss Re che Hannover Re avvertono che è probabile che le perdite si manifestino con il passare del tempo e mettono in guarda sula potenziale escalation dei sinistri a causa di controversie e azioni legali sulla scia della pandemia.

All’ultimo conteggio, le perdite riferite dalla pandemia COVID-19, le riserve IBNR e le stime delle compagnie assicurative e riassicurative ammontavano a oltre 34,5 miliardi di dollari.

Ciò è ben al di sotto di alcune stime del settore sul costo finale della pandemia.

Parlando alla 17esima conferenza finanziaria europea di Morgan Stanley questa settimana, entrambi i riassicuratori hanno avvertito che l’onere delle perdite derivanti dalla pandemia non può essere ancora considerato superato o riservato.

In particolare, sembra che l’assicurazione D&O e altre aree di assicurazione della responsabilità civile del lavoro, potrebbero essere le aree più a rischio di nuove perdite negli anni a venire.

Nelle linee a scadenza più corta (short-tailed lines, i dirigenti di Hannover Re hanno detto che il loss creep potrebbe emergere a causa dello sconvolgimento sperimentato nel processo di aggiustamento dei sinistri durante la pandemia stessa.

A differenza di Hannover Re, Swiss Re è fiduciosa che il loss creep non emergerà nei rami a short-tailed e nelle perdite già riportate dalla pandemia e non vede alcun rischio che si verifichi una loss adjustment inflation.