AstraZeneca: può diventare un sinistro assicurativo?

AstraZeneca diventerà un sinistro per gli assicuratori?” si era chiesto il portale tedesco VWtoday a febbraio. Questo scenario ha fatto un passo avanti dopo che diversi Governi hanno sospeso per precauzione le vaccinazioni con il vaccino di AstraZeneca a causa di possibili complicazioni mediche.

La Germania ha sospeso le vaccinazioni come misura precauzionale dopo una recente raccomandazione dell’Istituto Paul Ehrlich (PEI), l’istituto federale tedesco per i vaccini e i farmaci biomedici. Lo sfondo è che nuovi rapporti di trombosi delle vene cerebrali in connessione temporale con la vaccinazione sono stati rilevati in Germania e in Europa. Un portavoce del governo ha detto che saranno necessari ulteriori test. L’Agenzia europea per i medicinali (Ema) determinerà “se e come le nuove scoperte influenzano l’approvazione del vaccino”. Dopo un esame iniziale, non ci sarebbe “nessuna indicazione di un legame causale”.

Ema rassicura che i benefici del vaccino “superano i rischi” e può continuare ad essere somministrato mentre la revisione dei disturbi della coagulazione continua. “Il numero di incidenti tromboembolici nelle persone vaccinate non è superiore a quello della popolazione generale”, ha scritto l’Ema in un comunicato.

L’agenzia ha ricevuto fino ad ora circa 30 notifiche di casi di disturbi della coagulazione a seguito di una vaccinazione AstraZeneca. Questo numero si confronta con “poco meno di cinque milioni di persone vaccinate”. Ancora prima della Germania, diversi paesi hanno sospeso le vaccinazioni di AstraZeneca, tra cui i Paesi Bassi, l’Irlanda e la Norvegia. Nel Regno Unito, il farmaco continua ad essere somministrato.

In Italia, un insegnante vaccinato è morto in Piemonte. Le autorità dicono che stanno indagando se la morte sia  legata alla vaccinazione e comunque ha sospeso in via precauzionale la vaccinazione.

“Chiunque subisca una lesione da vaccino ha ha diritto di chiedere risarcimento allo stato che ha raccomandato la vaccinazione. E questo è senza dubbio il caso della vaccinazione contro il Covid”, spiega al portale tedesco Isabella Beer, avvocato specializzato in diritto medico e assicurativo dello studio legale Förster & Blob di Schwabach. La Casa farmaceutica è responsabile se il medicinale ha un difetto e il medico che fa la vaccinazione fa un errore di inoculazione o di consulenza.

In Germania se si verifica una malattia grave nel corso della vaccinazione, la vittima riceverà assistenza secondo la legge federale sul benessere delle vittime (Bundesversorgungsgesetz). Gli imprenditori farmaceutici sono responsabili secondo la legge tedesca sui medicinali per l’individuo fino a un capitale di 600.000 euro o una rendita annuale di 36.000 euro. Se più persone sono danneggiate dallo stesso farmaco, il capitale massimo è di 120 milioni di euro e la pensione massima annuale è di 7,2 milioni di euro.

“L’importo del risarcimento in seguito a una lesione da vaccino Covid è difficile  al momento da prevedere, poiché dipende sempre dalla natura e dall’entità del danno subito in ogni singolo caso. In casi pesanti, certamente potrebbero essere raggiunti anche importi a cinque cifre o più”, sostiene Ralph Steinbrück, avvocato specializzato in diritto medico di Monaco. In casi individuali la prova di un danno da vaccinazione è difficile, perché è a carico delle vittime. Solo nel caso di “comportamento gravemente negligente” c’è un rilievo della prova.

I danni da vaccino avrebbero conseguenze più indirette per l’industria assicurativa. Per esempio, alcuni assicuratori infortuni offrono risarcimenti per i danni da vaccinazione, gli assicuratori di tutela legale aiutano nelle cause contro i responsabili. Il rischio è gestibile, ci sarebbero circa 200 casi di danno da vaccinazione all’anno, di cui circa un sesto sarebbe riconosciuto, che corrisponde a circa 33 casi.

La sospensione del vaccino da sola non è la prova di uno scenario di danno gigantesco, è più una misura precauzionale.